Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Chi media i bulli. Bullismo e devianza: analisi e ricerca.

Lo spunto per questo argomento di tesi nasce dall’esperienza di ricerca maturata all’interno del Dipartimento di Sociologia e Comunicazione e dal desiderio personale di indagare il fenomeno della devianza e del bullismo alla luce di una nuova disciplina: la Media Education. Avendo conseguito il titolo regionale di “Esperto in Media education” ho scelto, nella ricerca teorica ed empirica svolta sul bullismo, di sfruttare tutte le conoscenze acquisite nell’iter universitario.
Nel primo capitolo la mia attenzione si è indirizzata sull’analisi del concetto di devianza nella letteratura sociologica cercando, in primo luogo, di formulare una ricostruzione diacronica del concetto di devianza - vista attraverso alcuni paradigmi disciplinari e le diverse prospettive di ricerca sociale - per arrivare ad un tentativo di definizione dello stesso concetto in una chiave complessa e problematica all’interno dell’attuale dibattito nelle scienze sociali.
Partendo, quindi, da questa riflessione mi sono poi concentrata, nel secondo capitolo, sul fenomeno del bullismo, inteso come manifestazione di comportamenti conflittuali attuati in forme di prepotenze ed aggressività soprattutto a scuola.
La mia riflessione, si è progressivamente spostata dall’attenzione verso il bullismo rigidamente definito dalla rilevazione di forme e frequenza del fenomeno, dall’individuazione delle componenti psicologiche del bullo e della vittima, ad una riflessione basata sull’assunto che, un clima scolastico caratterizzato da solidarietà, .partecipazione, rispetto per l’altro, possa agire come significativo fattore di prevenzione all’antisocialità.La prospettiva che, nel terzo capitolo, intendo indagare riguarda una concreta proposta d’intervento che non ha come obiettivo quello di risolvere il problema delle aggressioni scolastiche ma quello di facilitare la comprensione, il confronto tra gli attori coinvolti e la riflessione sul fenomeno da parte degli studenti e degli insegnanti attraverso la realizzazione di un laboratorio di Media education .La mia idea, riguarda proprio lo sviluppo, all’interno dell’attività didattica e in accordo con essa, di percorsi laboratoriali con l’obiettivo di favorire una cultura del dialogo tra i soggetti coinvolti. A tal proposito ho seguito personalmente le fasi di realizzazione nella classe V d della scuola elementare “Merelli” di Roma, del laboratorio di Media education “Tg in classe”, nel quale i ragazzi hanno scelto come tema principale proprio il bullismo. Successivamente ho avuto la possibilità di intervistare la responsabile del progetto Dott.ssa De Cicco e l’insegnante della quinta elementare, direttamente coinvolta nell’esperienza del Tg in classe. Per ovvie esigente di ricerca, ho poi intervistato anche la maestra di un’altra quinta, presente sullo stesso piano della scuola, che non ha svolto con i ragazzi lo stesso percorso laboratoriale. Il quarto capitolo è dedicato all’elaborazione dei focus group svolti in entrambe le classi. La scelta di affiancare allo studio della letteratura di riferimento sulla devianza e nel particolare, sul fenomeno del bullismo, una ricerca qualitativa, ha come intento quello di dar voce ai bambini e alle loro insegnanti.la prospettiva proposta in questo studio pur nella sua settorialità, analizza una possibile applicazione della tecnologia mostrando come il miglioramento individuale e sociale può diventare progetto educativo nella complessità del reale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE: Intenzioni e ricerca Lo spunto per questo argomento di tesi nasce dall’esperienza di ricerca maturata all’interno del Dipartimento di Sociologia e Comunicazione e dal desiderio personale di indagare il fenomeno della devianza e del bullismo alla luce di una nuova disciplina: la Media education. Avendo conseguito il titolo regionale di “Esperto in Media education” 1 ho scelto, nella ricerca teorica ed empirica svolta sul bullismo, di sfruttare tutte le conoscenze acquisite nell’iter universitario. La crescente attenzione, sia dell’opinione pubblica che del mondo scientifico, nei confronti delle prepotenze scolastiche ha alimentato negli ultimi anni il fiorire di molti studi, la maggior parte dei quali però di indirizzo psicologico. La sfida di analizzare questo fenomeno alla luce di ipotesi provenienti dalla prospettiva sociologica, pur nella sua giustificata settorialità, ha catturato il mio interesse. Inizialmente la mia attenzione si è indirizzata sull’analisi del concetto di devianza nella letteratura sociologica cercando, in primo luogo, di formulare una ricostruzione diacronica del concetto di devianza - vista attraverso alcuni paradigmi disciplinari e le diverse prospettive di ricerca sociale - per arrivare ad un tentativo di definizione dello stesso concetto in una chiave complessa e problematica all’interno dell’attuale dibattito nelle scienze sociali. L’analisi della letteratura di riferimento, svolta nel primo capitolo, mi ha permesso di tracciare le linee generali dello studio successivo restringendo il focus di interesse, prima sul delicato rapporto tra la devianza e i minori, per poi concentrarmi sullo studio del bullismo. L’ampia disamina svolta, rispetto alla prospettiva sociologica in materia di devianza, 1 Titolo rilasciato da: Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Scienze della Comunicazione, in collaborazione con il Dipartimento di Otorinolaringoiatria, Audiologia e Foniatria “G. Ferreri”, e la Regione Lazio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Eleonora Rossi Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15605 click dal 15/01/2007.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.