Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'allocazione delle risorse economiche e il problema dell'equità in ambito sanitario: un'indagine sul comportamento del personale medico

L’obiettivo di questo lavoro non è stato tanto quello di parlare di giustizia distributiva in senso lato (a livello macro), cioè di che cosa debba intendersi per giusto ordine sociale. Ci siamo invece soffermati sulla giustizia sociale in un settore particolare (potremmo dire, a livello micro): quello della sanità, e del modo in cui le istituzioni distribuiscono il “bene salute” all’interno della collettività.
Gran parte delle argomentazioni analitiche che giustificano l’attenzione sull’equità distributiva nel settore sanitario, derivano dal fatto che la salute sia una componente critica del benessere di una persona, la base del suo buon funzionamento. La nozione di giustizia suggerisce che coloro che si trovano in una condizione di cattiva salute dovrebbero ricevere un trattamento sulla base del loro bisogno di cure, e non in base ad altri attributi che non siano legati alla salute stessa (come ad esempio la possibilità di pagare per essere curati).
Alla luce di queste considerazioni, nei primi due capitoli abbiamo considerato una serie di problemi, tra cui anche quello della definizione delle variabili (o concetti economici e sociali) da tenere in considerazione per esprimere in modo soddisfacente il concetto di benessere, e di uguaglianza del suo godimento tra gli individui. Ci siamo posti lo stesso dubbio che molti filosofi ed economisti – come John Rawls, Amartya Sen, Ronald Dworkin, Ian Carter – hanno avanzato: per realizzare l’eguale redistribuzione del benessere all’interno di una società, bisogna raggiungere l’eguaglianza di cosa?
L’ambito di operatività prescelto per la nostra analisi è stato l’extrawelfarismo, sulla base delle tesi di Sen e di Culyer. Amartya Sen solleva la questione della giusta collocazione da attribuire alle preferenze nella valutazione sociale scegliendo la struttura extrawelfarista, imperniata sulla centralità della salute come risultato rilevante.
Se nel corso dei primi capitoli è emerso il fatto che gli obiettivi di equità sono considerati di grande importanza nella società, in seguito abbiamo visto come ciò non si traduca in un altrettanto ampio consenso sulla nozione rilevante di equità in ambito sanitario (quella che Sen chiama la variabile focale).
La scelta della variabile focale è senza dubbio critica: vista la diversità degli esseri umani, il raggiungimento dell’equità in base ad una data variabile implica delle iniquità sotto altre dimensioni. Ma le molteplici teorie a riguardo non concordano su quale sia tale variabile rilevante. Abbiamo dato maggiore rilevanza alle variabili che rientrano in tre grandi categorie di principi di equità distributiva: l’allocazione che assicuri parità di accesso; l’allocazione secondo il bisogno e l’allocazione che uniformi la distribuzione della salute.
Per ognuna di queste interpretazioni di equità sono stati presentati i punti di forza, spesso sulla base di quello che è il sentire comune. Sfortunatamente, non esiste una base scientifica per scegliere con sicurezza il “principio migliore”, poiché si tratta di principi normativi. Questa tesi, però, non si è soffermata esclusivamente sull’impianto teorico della questione dell’equità e della sua relazione con il settore sanitario. Abbiamo voluto anche trovare i risvolti pratici del problema.
E’ per questo che nel presente lavoro abbiamo voluto presentare, tramite i risultati di un’indagine ad hoc rivolta all’opinione pubblica, un’analisi empirica della nozione rilevante di equità in ambito sanitario. La nostra indagine, pur confermando il fatto che non esista una nozione di equità dominante sulle altre, dà perlomeno un’indicazione sul modo in cui i tre concetti di equità di cui abbiamo parlato in precedenza vengano tenuti in considerazione dai diretti interessati, cioè i fruitori del sistema sanitario.
Il secondo argomento principale su cui questo lavoro si è concentrato riguarda le tecniche di misurazione del beneficio risultante dalla distribuzione del bene salute. A tal proposito ci siamo concentrati su un approccio su cui molti studiosi del settore hanno rivolto la loro attenzione, esaminandone i pro e i contro: il QALY-approach. L’analisi di questo strumento risulta complessa e densa di sfumature. Se da una parte il QALY (quality-adjusted life-year) è una delle unità di misura più utilizzate nell'ambito dell'analisi costi utilità, numerosi sono i suoi punti critici, presentati nel capitolo 4. L’obiettivo di questo lavoro non era esclusivamente quello di presentare il QALY-approach nella sua struttura teorica: abbiamo voluto testarne la validità pratica tramite un’indagine ad hoc, rivolta al personale medico del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa. Un numero sempre maggiore di vite umane si affida alle cure prestate dai sistemi sanitari. Essi devono fare fronte a continue responsabilità circa la sopravvivenza delle persone lungo il corso della loro vita. Hanno un ruolo cruciale nello sviluppo della salute individuale, delle famiglie e della società nel suo complesso. Ma se il miglioramento della salute è senza dubbio l’obiettivo primario di qualsiasi sistema sanitario, esso non è certo l’unico. L’obiettivo della buona salute è in realtà indirizzato su due versanti: il miglior livello medio di salute raggiungibile (la bontà del sistema) e la minimizzazione delle differenze tra gli individui (l’equità del sistema). Questo ultimo aspetto vuole indicare la necessità che il sistema sanitario risponda equamente e nel migliore dei modi alle esigenze individuali, senza discriminazioni. Il World Health Report del 2000 definisce i sistemi sanitari come l’agglomerato di istituzioni e risorse devolute alla produzione di un’azione sanitaria. Un’azione sanitaria è qualsiasi sforzo il cui fine primario è il miglioramento della salute, sia che si tratti della prevenzione personale, dei servizi sanitari pubblici o di iniziative intersettoriali. Vengono quindi considerate tutte quelle azioni il cui fine è la promozione, il ripristino e il mantenimento della salute. Tutti i Paesi hanno il loro sistema sanitario, per quanto esso possa essere frammentato tra più organizzazioni o per quanto esso a volte operi in maniera poco sistematica. Per nostra sfortuna, tutte le informazioni disponibili circa i sistemi sanitari si riferiscono esclusivamente all’aspetto della fornitura e degli investimenti. Ciò vuol dire che ci si concentra soprattutto su dati quantitativi relativi al settore dell’assistenza sanitaria, includendovi gli interventi preventivi, curativi e palliativi, diretti sia agli individui che alle popolazioni. Ma quanto cerchiamo di analizzare in questo lavoro, non si ferma al livello dei dati quantitativi di questo genere. Vogliamo scavare più a fondo, e concentrarci su un aspetto altrettanto importante dei sistemi sanitari nel loro complesso: quello dell’equità, della giustizia nella distribuzione dei servizi sanitari, e dei problemi pratici che inevitabilmente hanno luogo quando si cerca di dare una risposta a tali quesiti.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alice Orrù Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3646 click dal 16/01/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.