Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tracciabilità: Uno strumento per gestire la concorrenza sul mercato internazionale

La tracciabilità è la possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento o di qualsiasi altro bene, dal momento in cui viene prodotto, fino alla sua destinazione finale. Questo in un mondo estremamente globalizzato come il nostro, permette di sapere la proveninza e le sostanze che compongono un determinato bene , avvantaggiando sia il consumatore, con una migliore conoscenza del bene che compra, che il produttore che può proteggere i propri beni dai falsi e attraverso la tracciabilità si può anche difendersi dalla concorrenza sleale dei paesi in via di sviluppo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nell’aprile del 1994 viene firmato il”Final Act”dell’Uruguay Round a Marrakesh, con il quale si chiude l’esperienza del Gatt che verrà di lì a poco sostituito dal World Trade Organisation (WTO), e si riscrivono le regole del commercio internazionale. Il WTO è formato da 142 paesi* che dovrebbero sottoscrivere accordi in materia tariffaria ma non solo. Tematiche quali le condizioni di lavoro, l’ambiente, la sanità stanno permeando l’azione di questa organizzazione il cui principio ispiratore è il “vantaggio comparato”. * Nota: i seguenti paesi non-membri sono presenti come "osservatori" (e, tra questi, molti hanno fatto richiesta di adesione all'organizzazione): Algeria, Andorra, Azerbaijan, Bahamas, Bielorussia, Bhutan, Bosnia-Erzegovina, Capo Verde, Guinea Equatoriale, Etiopia, Iran, Iraq, Kazakistan, Laos, Libano, Libia, Russia, Samoa, Santa Sede, São Tomé e Príncipe, Serbia e Montenegro (ciascuna delle due republiche ha richiesto, separatamente, l'affiliazione), Seychelles, Sudan, Tagikistan, Tonga, Ucraina, Uzbekistan, Vanuatu, Vietnam e Yemen. L'Iran ha richiesto l'affiliazione fin dal 1996, ma gli USA, accusando il governo di Tehran di supportare il terrorismo internazionale, hanno bloccato la domanda del paese asiatico per 22 volte: nel marzo del 2005 gli USA hanno affermato di voler abolire il proprio veto verso l'Iran come parte di un accordo più generale collegato al controllo del nucleare, ma le recenti forti tensioni tra Iran e USA annullano le dichiarazioni fatte in precedenza dagli Stati Uniti. La Russia, pur avendo fatto domanda per divenire stato membro (dell'allora GATT) fin dal 1993, non lo è ancora diventata.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Vitiello Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2028 click dal 17/01/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.