Skip to content

Indagine sperimentale sul ruolo della scabrezza nel moto di correnti granulari

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Pelucchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Paolo Ghilardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

Il presente lavoro consiste in un’attività di ricerca sperimentale finalizzata allo studio del ruolo della scabrezza nel moto di correnti granulari secche.
Le prove di laboratorio sono state condotte presso il Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale dell’Università degli Studi di Pavia, utilizzando un canale in materiale plastico trasparente e a pendenza regolabile, lungo il quale è stato innescato il moto di un insieme di granuli in PET (Polietilen-Tereftalato, materiale plastico appartenente al gruppo dei poliesteri) di forma approssimativamente cilindrica aventi mediamente diametro pari a 2,5 mm e altezza di 2,7 mm.
L’influenza della scabrezza è stata simulata eseguendo due gruppi di prove, ognuno con un differente rivestimento del fondo del canale: l’assenza di scabrezza macroscopica è stata realizzata utilizzando un materiale plastico (forex, PVC semiespanso a cellule chiuse), mentre la presenza di scabrezza, uniforme nel senso del moto e dell’ordine della dimensione dei granuli, è stata realizzata usando della gomma con cardatura in millerighe.
Il moto è stato filmato in prossimità della sezione finale del canale mediante una telecamera digitale funzionante con una frequenza di acquisizione delle immagini di 240 Hz.
I fotogrammi acquisiti in ogni prova sono stati elaborati al fine di ottenere il profilo di velocità, il profilo di concentrazione ed il profilo di altezza della corrente per quella prova. Tutte le elaborazioni sono state effettuate in modo automatico; particolare attenzione ed impegno sono stati dedicati ai codici di calcolo utilizzati, i quali sono stati tutti appositamente creati utilizzando il software MATLAB v. 7.0.1.
I risultati ottenuti sono stati analizzati mettendo a confronto sia i profili di velocità sia i profili di altezza, osservandone l’andamento sia al variare dell’angolo di inclinazione del canale per uno stesso rivestimento del fondo, sia nel caso dei diversi rivestimenti del fondo per una stessa pendenza. Inoltre è stato effettuato un confronto con i risultati relativi ad esperimenti su correnti granulari secche reperiti in letteratura ((Ridgway, Rupp, 1970), (Bailard, 1978) e (Hungr, Morgenstern, 1984)). Un discorso a parte è stato fatto per i profili di concentrazione, i quali, a causa di problematiche connesse al metodo di determinazione degli stessi, non hanno potuto essere analizzati.

La trattazione che segue è divisa in due parti.
Nella prima parte è raccolta in forma organica una serie di informazioni relative alle correnti granulari, utili ad inquadrare il fenomeno in funzione di una migliore comprensione dell’attività sperimentale svolta.
Ciò è stato ritenuto necessario a causa della mancanza, a tutt’oggi, di una trattazione sull’argomento generalmente condivisa in termini di definizione, terminologia e classificazione ed anche per fare il punto sui risultati dell’attività di ricerca nell’ambito degli aspetti dinamici delle correnti granulari, con particolare attenzione rivolta al comportamento reologico degli stessi.
Si precisa che nei titoli dei capitoli e dei paragrafi della prima parte al posto dell’espressione “corrente granulare” si è preferitala definizione anglosassone “debris flow”, universalmente accettata e molto diffusa nella nostra lingua; anche nel testo se ne è fatto largo uso in luogo delle corrispondenti espressioni italiane.
La seconda parte è dedicata all’attività sperimentale svolta. Sono descritti l’installazione sperimentale usata e le modalità di esecuzione delle prove di laboratorio, i procedimenti di elaborazione dei dati ed i risultati ottenuti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro consiste in un’attività di ricerca sperimentale finalizzata allo studio del ruolo della scabrezza nel moto di correnti granulari secche. Le prove di laboratorio sono state condotte presso il Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale dell’Università degli Studi di Pavia, utilizzando un canale in materiale plastico trasparente e a pendenza regolabile, lungo il quale è stato innescato il moto di un insieme di granuli in PET (Polietilen-Tereftalato, materiale plastico appartenente al gruppo dei poliesteri) di forma approssimativamente cilindrica aventi mediamente diametro pari a 2,5 mm e altezza di 2,7 mm. L’influenza della scabrezza è stata simulata eseguendo due gruppi di prove, ognuno con un differente rivestimento del fondo del canale: l’assenza di scabrezza macroscopica è stata realizzata utilizzando un materiale plastico (forex, PVC semiespanso a cellule chiuse), mentre la presenza di scabrezza, uniforme nel senso del moto e dell’ordine della dimensione dei granuli, è stata realizzata usando della Indagine sperimentale sul ruolo della scabrezza nel moto di correnti granulari secche 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

altezza
colate detritiche
concentrazione
correnti granulari
cross-correlazione
debris flow
diagramma di voronoi
elaborazione di immagini
filtraggio mediano
filtro gaussiano
filtro media
metodo di otsu
poligono di voronoi
profilo di altezza
profilo di concentrazione
profilo di velocità
reologia
scabrezza
velocità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi