Skip to content

Aiutare le persone ad aiutarsi. La buona comunicazione a scuola.

Informazioni tesi

master di secondo livello in dirigenza dei servizi culturali socio-educativi e scolastici
  Autore: Vincenzo Gullotta
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2006
Docente/Relatore: Raffaella Biagioli
Istituito da: Università degli Studi di Firenze
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

Quante situazioni complesse vivono oggi gli insegnanti e i dirigenti alle prese con tutti coloro che hanno a che fare con il sistema scolastico. Professionisti diversi appartenenti a istituzioni e servizi differenti che spesso si occupano dello stesso alunno ma parlano linguaggi differenti.
Ogni giorno i professionisti dell'educazione giocano ruoli diversi e cercano di districarsi in un mare di situazioni comunicative e relazionali che a volte rischiano di diventare delle vere e proprie mine emotive. E più che mai oggi sono investiti da importanti mutamenti di cui non è sempre chiara la direzione.
Un insegnante, ad esempio, oggi può essere impegnato su due fronti. Uno è all’interno della classe dove le caratteristiche e i comportamenti degli allievi, dei colleghi e dei genitori si sommano alle differenti esigenze di ciascuno. Le variabili di cui tener conto sono tante, troppe e aumenta il rischio di veder crescere un malessere che coinvolge tutta la classe. L’altro fronte è rappresentato da tutti i rapporti che l'insegnante si trova a gestire quando svolge un compito di organizzazione. Mi riferisco ai docenti " funzioni obiettivo", ai referenti di commissioni varie, ai collaboratori del dirigente, ai responsabili di plesso ecc. In tutti questi ruoli la didattica resta sullo sfondo mentre in primo piano emergono le abilità comunicative, organizzative, decisionali, di mediazione e di negoziazione. Un compito sicuramente non facile, da cui gli insegnanti ne escono a volte sfiancati e demotivati, altre volte disorientati e con la sensazione di spendere gran parte del proprio tempo lavorativo a cucire relazioni, a convincere, a condividere. Mi sto riferendo a situazioni non rare che richiedono interventi attenti e consapevoli. Soprattutto si tratta di impegnarsi non tanto nel determinare una causa del problema o, ancora peggio, un colpevole, ma di lavorare nella ricerca di una soluzione percorribile.
Si tratta di provare a far funzionare il sistema coinvolto (come ad esempio: il collegio docenti, la commissione continuità, i genitori della classe…) secondo una modalità che permetta di attingere dalle sue risorse interne e che, nello stesso tempo, possa accrescere la capacità di funzionare in modo efficace.
In sintesi mi riferisco alla necessità di utilizzare uno strumento di intervento che favorisca sia il cambiamento sia l'apprendimento del sistema coinvolto.
Dagli anni ‘90 in poi la scuola ha fatto proprie le attività di prevenzione del disagio e di promozione del benessere e in una nuova accezione di scuola, intesa come “agenzia” educativa con finalità formative e preventive si inserisce la pratica del Counseling Scolastico, il cui fine è quello di agevolare la relazione insegnante-studente, insegnante-genitore, insegnante ed altre figure professionali. Un Counselor che lavora in una scuola è chiamato innanzitutto a rispettare i principi dell’ascolto attivo, dell’empatia e della congruenza. Egli deve, inoltre, focalizzare la sua attenzione sulla relazione in atto e sulla comunicazione verbale e non verbale dell’utente, utilizzando le regole della comunicazione efficace e tecniche precise dell’analisi della domanda.
In questo senso la metodologia della “relazione di aiuto” ci fornisce delle preziose indicazioni.
Nella prima parte di questo lavoro ho trattato i riferimenti teorici, gli aspetti dottrinali e filosofici del counseling, delle relazioni di aiuto, dello sportello mentre nella seconda parte ho cercato di riportare riflessioni frutto della mia esperienza professionale, di tirocinio svolta presso un istituto comprensivo della provincia di Bolzano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione "Consigliare gli altri, sia nell'ambito scolastico, religioso, ospedaliero o aziendale, richiede una profonda empatia, la comprensione del carattere e delle tensioni interne della personalità, la capacità di accettare e rispettare gli altri senza falsi moralismi, l'umiltà di non imporre le proprie scelte di vita. Il compito del counselor è quello di favorire lo sviluppo e l'utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutandolo a superare quei problemi di personalità che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente nel mondo esterno. Il superamento del problema, la vera trasformazione, comunque, spetta solamente al cliente: il counselor può solo guidarlo, con empatia e rispetto, a ritrovare la libertà di essere se stesso". (Da "L'arte del Counseling" di Rollo May) Quante situazioni complesse vivono oggi gli insegnanti e i dirigenti alle prese con tutti coloro che hanno a che fare con il sistema scolastico. Professionisti diversi appartenenti a istituzioni e servizi differenti che spesso si occupano dello stesso alunno ma parlano linguaggi differenti. Ogni giorno i professionisti dell'educazione giocano ruoli diversi e cercano di districarsi in un mare di situazioni comunicative e relazionali che a volte rischiano di diventare delle vere e proprie mine emotive. E più che mai oggi sono investiti da importanti mutamenti di cui non è sempre chiara la direzione. Un insegnante, ad esempio, oggi può essere impegnato su due fronti. Uno è all’interno della classe dove le caratteristiche e i comportamenti degli allievi, dei colleghi e dei genitori si sommano alle differenti esigenze di ciascuno. Le variabili di cui tener conto sono tante, troppe e aumenta il rischio di veder crescere un malessere che coinvolge tutta la classe. L’altro fronte è rappresentato da tutti i rapporti che l'insegnante si trova a gestire quando svolge un compito di organizzazione. Mi riferisco ai docenti " funzioni obiettivo", ai referenti di commissioni varie, ai collaboratori del dirigente, ai responsabili di plesso ecc. In tutti questi ruoli la didattica resta sullo sfondo mentre in primo piano emergono le abilità comunicative, organizzative, decisionali, di mediazione e di negoziazione. Un compito sicuramente non facile, da cui gli insegnanti ne escono a volte sfiancati e demotivati, altre volte disorientati e con la sensazione di spendere gran parte del proprio tempo lavorativo a cucire relazioni, a convincere, a condividere. Mi sto riferendo a situazioni non rare che richiedono interventi attenti e consapevoli. Soprattutto si tratta di impegnarsi non tanto nel determinare una causa del problema o, ancora peggio, un colpevole, ma di lavorare nella ricerca di una soluzione percorribile. Si tratta di provare a far funzionare il sistema coinvolto (come ad esempio: il collegio docenti, la commissione continuità, i genitori della classe…) secondo una modalità che permetta di attingere dalle sue risorse interne e che, nello stesso tempo, possa accrescere la capacità di funzionare in modo efficace. In sintesi mi riferisco alla necessità di utilizzare uno strumento di intervento che favorisca sia il cambiamento sia l'apprendimento del sistema coinvolto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi