Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di ''persona'' tra teoria e prassi educative

Il concetto di persona attraversa la storia del pensiero, dalla PAIDEIA GRECA sino ai giorni nostri. Nel superamento del principio di individualità il personalismo di MOUNIER riporta alla considerazione il concetto di persona oltrepassando il limite del pragmatismo americano, del DEWEY, dell'attualismo di GIOVANNI GENTILE. Attraverso il personalismo si tenta la fondazione di una nuova rinnovata PAIDEIA e la persona diviene bussola ermeneutica per la comprensione del "REALE".

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Adducendo dati e perseguendo il fine di meglio sapere cosa si intenda per persona e magari scoprirne un senso che dia serenità all’intelletto nell’attuale groviglio di pensieri della nostra attualità, abbiamo pensato giovasse ripercorrere la storia di un concetto, che ha assunto, oggi più che mai, significati di differente entità. Niente di più efficace, ripensando il passato, sarebbe il cogliere spazi e tempi in cui il principio che regola l’humanum si autodetermina, se pur con presenza-assenza, nell’assunto sulla persona. E’ in essa il centro di ricapitolazione del “già storico” e la spinta propulsiva e dinamica verso in “non ancora”; come un Kairόs 1 che rinnova il suo miracolo d’esistenza nella concentrazione di tutto il reale dentro la storia della persona. Solo nella riscoperta di una trascendentalità ontologica sarà possibile cogliere nella persona i segni di un sigillo che superi la fisicità-materialità e trovi nella stessa lo stereotipo di ogni humanitas. Dalla paideia greca sino all’attualità il dibattito non è mai chiuso: come e perché dare alla persona il primato della attenzione filosofica e pedagogica? Si scontrano e si incontrano le teorie che sostengono una dimensione solo teorica dell’apporto educativo, e 1 Traduciamo come : il tempo presente dell’opportunità. Dunque non solo chrònos che indica il tempo misurabile in anni, mesi, giorni, ore, cioè una misura scientifica. Il kairòs è l’opportunità ermeneutica per comprendere meglio l’uomo e la sua humanitas. Nella dimensione dell’hic et nunc derivante anche dalla impostazione agostiniana del tempo, il quale si fissa nella realtà presente, in quanto il passato non è più e il futuro non è ancora.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Ignazio Poddighe Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7381 click dal 09/02/2007.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.