Skip to content

Organizzazioni non profit: normativa di riferimento e attività di controllo

Informazioni tesi

  Autore: Mara Oliverio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Luciano Hinna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

Nei sistemi economici maggiormente sviluppati è emersa e si è rafforzata nel corso degli ultimi decenni la cosiddetta “economia sociale”.Si tratta di un settore che producendo beni e servizi dalle cartatteristiche peculiari si è trovato, nel corso degli anni novanta,al centro dell’attenzione dei ricercatori , dei politici degli amministratori e della stessa opinione pubblica.
Partendo da un’escursus storico sulle origini delle Aziende non profit e da una classificazione delle stesse, il presente elaborato passa ad analizzare rispettivamente gli aspetti civilistici ( Capitolo I ) e fiscali (Capitolo II ) delle Aziende in questione.
L’importanza crescente del terzo settore ed il perdurare delle lacune legislative in tema di rendicontazione dell’Arap hanno indotto il Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti (CNDC) ad intervenire in modo articolato nel tentativo di ornire indirizzi e principi sia sotto il profilo contabile sia sotto il profilo del bilancio sociale. Il CNDC non è l’unico organo che svolge tale funzione: negli Stati Uniti, il Financial Accounting Standards Board si occupa frequentemente di not-for profit organization così come altre realtà economiche a noi vicine come Spagna e Francia. Delineando l’ambito di applicazione (Capitolo III ) vengono analizzati i prospetti considerati fondamentali per la redazione di un Bilancio di azienda non profit:
- Stato Patrimoniale;
- Rendiconto di gestione;
- Allegati esplicativi: nota integrativa e prospetti di movimentazione dei fondi;
- Relazione sulla gestione (c.d. conto morale o relazione di missione);
- Relazione dell’organo incaricato con riferimento alle Raccomandazioni emanate dalla Commissione Anp creata in seno al CNDC.
Interessante è l’evoluzione del sistema del controllo gestionale ( Capitolo IV ) che ci pone sempre di fronte a domande, mai scontate, circa le finalità dell’azienda e cosa significhi realizzarle nelle realtà. Si analizza, inoltre, il controllo esterno individuandone le diverse tipologie.
In fine viene analizzato un caso concreto con riferimento al contesto teorico affrontato nei precedenti capitoli: Il caso Telethon (Capitolo V).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Nei sistemi economici maggiormente sviluppati è emersa e si è rafforzata nel corso degli ultimi decenni la cosiddetta “economia sociale”.Si tratta di un settore che producendo beni e servizi dalle cartatteristiche peculiari si è trovato, nel corso degli anni novanta,al centro dell’attenzione dei ricercatori , dei politici degli amministratori e della stessa opinione pubblica. Profilo storico 1 Il settore non profit può essere considerato, per molti aspetti,come l’esito giuridico di una doppia battaglia che si è combattuta nella seconda metà del XIX secolo; in questo periodo si concluse il processo d’unificazione nazionale (Risorgimento), partì la rivoluzione industriale ed avvenne una durissima lotta per il potere tra l’elite del nuovo stato nazionale, la chiesa cattolica ed il nascente movimento socialista. Da un lato, infatti, la nuova elite politica nazionale tentò di limitare il potere e l’influenza della chiesa, dall’altro, lottò per integrare il movimento socialista allora agli esordi, nelle strutture politiche di un’economia capitalista. Nel 1860, la nascita del nuovo stato italiano portò con sé l’affermazione di una nuova elite politica laica che interpretò la riduzione della forza, dell’influenza della Chiesa cattolica e delle sue istituzioni . In quegli anni, gran parte dei servizi sanitari e d’assistenza erano amministrati da Istituzioni religiose, molte delle quali frutto di una tradizione secolare che può essere fatta risalire al Medioevo. 1 Vedi Cova A., La situazione italiana: una storia di non profit, in Il non profit dimezzato, a cura di Vittadini G., Perugina, 1998.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi