Skip to content

L'abuso della potestà genitoriale

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Ferrara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesca Naddeo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 235

Ai sensi dell’art. 330 c.c. nel testo modificato dalla riforma del 1975 del diritto di famiglia (e precedente alla ulteriore modifica apportata dall'art. 37, 1. 149/2001) il giudice può pronunciare la decadenza dalla potestà quando il genitore viola o trascura i doveri ad essa inerenti o abusa dei relativi poteri con grave pregiudizio per il figlio. In tal caso, per gravi motivi, il giudice può ordinare l'allontanamento del figlio dalla residenza familiare (art. 330 c.c.).
Il testo della norma precedente alla riforma non menzionava “l'abuso dei poteri” relativi alla potestà, ma soltanto la violazione dei doveri: tale modifica rappresenta la formale codificazione del riconoscimento dei mutati rapporti fra genitori e figli, anche se autorevole dottrina sostiene che la precedente versione della disposizione avrebbe, comunque, consentito di censurare comportamenti non solo “omissivi” ma anche “commissivi” del genitore. È stato infatti affermato che “la modifica, introdotta dalla legge di riforma del 1975, è peraltro solo apparente, perché i poteri inerenti alla potestà, in quanto attribuiti al genitore nell'esclusivo interesse del figlio, debbono essere correttamente esercitati dal genitore stesso: l’abuso di tali poteri, quindi, rientrava già nella violazione dei doveri inerenti alla potestà”
Deve comunque sottolinearsi che non è semplice distinguere le due categorie di comportamenti. Può precisarsi che gli abusi di potere, i quali non sconfinano in fatti di maltrattamento o di abuso sessuale, vengono di solito configurati da inutili e vessatori atteggiamenti di compressione dei diritti e delle libertà del figlio, con particolare riferimento all’evoluzione e alle esigenze della sua personalità nell'arco del percorso di crescita.
La casistica è piuttosto varia. A titolo di esempio, si può ricordare il provvedimento del Tribunale minorile di Lecce, il quale riconduce ad una ipotesi di abuso della potestà il comportamento del genitore non affidatario inosservante del contenuto del provvedimento di separazione. È stato, infatti, ritenuto che il comportamento del genitore separato dal coniuge e non affidatario dei figli minori che, pendente il giudizio di separazione personale ed in violazione delle statuizioni del giudice, abusi dei suoi poteri, trattenendo indebitamente presso di sé i figli minori, ostacolando il loro rientro presso il genitore affidatario e perfino il loro attaccamento verso quest’ultimo, e che trascuri in maniera rilevante e pericolosa i propri doveri diretti, delegando ai nonni la cura e l'educazione della prole durante i periodi in cui questa permane presso di lui, ponendo altresì i figli in uno stato di precario, pericoloso equilibrio psicofisico con l'allontanarli dal loro naturale e pregresso ambiente socio-familiare e scolastico e con il far loro mancare radicalmente, e senza motivo adeguato, consolidate abitudini di vita e di condotta, giustifica l’adozione del provvedimento di decadenza dall'esercizio della potestà parentale .
Grande attenzione viene inoltre prestata alle scelte terapeutiche che il genitore compie per il figlio minore.
Sul punto, la giurisprudenza di merito sembra fornire solu¬zioni conformi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE STORICO - GIURIDICA DELL’ISTITUTO E SUA EVOLUZIONE CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE STORICO - GIURIDICA DELL’ISTITUTO E SUA EVOLUZIONE 1. La patria potestas L’istituto della patria potestà era proprio dei cittadini romani, come già si evince dalle Istituzioni di Gaio 1 : «Item in potestate nostra sunt liberi nostri, quos iustis nuptiis procreavimus. Quod ius proprium civium Romanorum est (fere enim nulli alii sunt homines, qui talem in filios suos habent potestatem, qualem nos habemus)... » (G.1.55) 2 . È probabile che l’istituto della patria potestà derivi dalla tendenza del diritto antico alla conservazione dei patrimoni familiari; i 1 Le Istituzioni di Gaio sono un’opera didattica in 4 libri composta dal giurista romano Gaio tra il 168 e il 180 d.C. Il carattere di assoluta eccezionalità dell’opera consiste nel fatto di essere l’unica opera della giurisprudenza romana classica ad essere pervenuta fino ai nostri giorni direttamente, senza il tramite di compilazioni che ne abbiano potuto alterare il significato. Si veda A. GUARINO, L’esegesi del diritto romano, Napoli, 1982, p. 56. 2 “Parimenti sono in nostra potestà i nostri figli, che abbiamo procreato in giuste nozze. Ciò è diritto proprio dei cittadini romani (di regola infatti non ci sono altri uomini, che in tal modo hanno potere sui loro figli, quanto ne abbiamo noi)...” 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi