Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Concetto di tempo nella Teoria della Relatività di Einstein e le sue conseguenze filosofiche

La tesi dà un resoconto storico dei concetti espressi dai filosofi per comprendere “il tempo”, partendo dagli albori della speculazione filosofica occidentale, per giungere alla riflessione della fisica contemporanea sul tempo, propria dei nostri giorni. Dopo un primo capitolo che espone questo percorso storico vengono esaminate in dettaglio, cosi come proposte da Einstein stesso, le due teorie della relatività, ristretta e generale.
una terza parte infine è dedicata alle principali ripercussioni filosofiche e della fisica contemporanea, circa le due teorie, passando in analisi i commenti di Bergson e Heidegger, nonchè di fisici contemporanei, cercando infine di trovare un punto in comune tra le due visioni del tempo, quella fisica e filosofica.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Indagare sul tempo e sul suo intimo significato, equivale, sin dalle epoche remote della civiltà umana, a dare risposte capaci di spiegarci la realtà, almeno quella che percepiamo dai primi istanti della nostra coscienza e che diamo per scontata, nella sua forma quotidiana, dove collochiamo i momenti congelati della nostra vita: tessere di presente, passato e futuro. Solo l’intuizione ci permette di percepire, al di là di tutte le misurazioni e scansioni applicabili che questi però non sono immutabili nel tempo, quasi fossero avvolti da un “contenitore” più grande che non conosciamo con certezza. Siamo noi, con le nostre azioni la misura del tempo, quantomeno del nostro personale, e non a caso Martin Heidegger descrive gli ambiti dell’essere e del tempo collegati con una sorta di diagonale per provare a non considerarli più come indipendenti l’uno dall’altro, visto che non è pensabile l’essere se non a partire dal tempo e viceversa. 1 Gettando uno sguardo alla storia della filosofia, è possibile costatare senza difficoltà come le riflessioni sul tempo siano molteplici e spesso confuse e come (per la verità non troppo spesso) questo concetto sia stato preso in considerazione e si sia provato a spiegarlo. È stato pensato in collegamento con lo spazio, come indipendente da esso o addirittura in opposizione; è stato chiamato in causa sia per 1 Cfr. Martin Heidegger, Il concetto di tempo, Adelphi Editore, Milano, 1998. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marcello Barrale Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12287 click dal 25/01/2007.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.