Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La repressione dei crimini di guerra: i tribunali ad hoc dell'ex Jugoslavia e del Ruanda

Un'analisi accurata sulle fattispecie dei crimini di guerra e differenza con i crimini contro l'umanità. Analisi della caratteristiche e delle funzioni dei tribunali ad hoc fino alla necessità ed all'istituzione di un tribunale penale internazionale permanente. inoltre vi sono dettagliatamente riportati i casi riguardanti l'Ex Jugoslavia ed il Ruanda

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I : La repressione dei crimini di guerra. 1. Introduzione Le gravi violazioni delle norme del diritto internazionale poste a protezione di valori e di “beni” ritenuti dall’ordinamento della comunità internazionale meritevoli di una tutela particolare costituiscono “crimini internazionali 1 ” o “crimini contro il diritto internazionale”, in quanto la norma penale rilevante promana direttamente da un trattato concluso secondo il diritto internazionale consuetudinario ed è dotata di efficace vincolante sugli individui, senza l’interposizione di norme interne 2 . La categoria dei crimini internazionali costituisce un’acquisizione relativamente recente per il diritto della comunità internazionale. Non è di facile accettazione, infatti, per una comunità essenzialmente di Stati sovrani, gelosi custodi del loro domaine rèservè, la configurazione di una categoria di violazioni denominata “crimini internazionali”, rappresentata come dotata di una tale connotazione di gravità da determinare la punibilità da parte dell’intera comunità internazionale. 3 Peraltro, già nel passato ormai remoto, si era manifestata la spinta a considerare talune violazioni del diritto ad opera di individui come 1 SPEMUTI, Crimini internazionali,in Enciclopedia del diritto, Vol. XI, 1962, p. 337; RONZITTI, Crimini internazionali, in Enciclopedia giuridica Treccani , vol. X, 1988; FRANCIONI, Crimini internazionali , in Digesto delle discipline pubblicistiche. 2 JESCHECK, International Crimes, in Enyiclopedia, vol. 8 p. 332. 3 Sulla comunità internazionale come entità sociale composta essenzialmente di Stati sovrani, cfr. CONFORTI, Diritto Internazionale, V ed., Editoriale Scientifica, Napoli,1997; JESHECK, War crimes, in Encyclopedia of Public International Law,1997, p.294.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Denis Bosco Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4789 click dal 30/01/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.