Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il giudizio di ammissibilità sul referendum abrogativo

Il giudizio di ammissibilità sul referendum abrogativo analizzato in questa tesi ha come obiettivo lo studio di una delle compentenze della Corte Costituzionale. Si parte da una ricostruzione delle origini e funzioni del giudizio di ammissibilità, per poi soffermare l'attenzione sui limiti esplici (ex art. 75 Cost.) ed impliciti di ammissibilità del refendum (strettamente legati alle pronuce espresse, nel corso degli anni, dalla Corte Cost.). Infine, si volge uno guardo sulla conclusione del giudizio di ammissibiltà, sui rapporti di questo con il giudizio di costituzionalità nonchè sulle prospettive di riforma dell'intero istituto.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Secondo il disposto dell’art. 75 della nostra Carta Costituzionale: “è indetto referendum popolare per deliberare l’abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedano cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali”. Quella fornita dal testo costituzionale rappresenta nulla di più che l’impalcatura portante di un procedimento ben più vasto e complesso, che ha trovato la sua formalizzazione normativa per effetto della Legge352 del 1970 e che ha registrato, nel corso degli ultimi decenni, importanti mutamenti, a causa dei numerosi interventi giurisprudenziali, operati da parte della Consulta. Il procedimento referendario si articola in quattro fasi,e precisamente: 1)La formazione e la presentazione della richiesta referendaria, da parte dei soggetti legittimati, così come risultano dal disposto costituzionale. 2)La fase di controllo della richiesta referendaria che assume i due caratteri della verifica della legittimità della procedura (da parte dell’Uff. Centrale per il referendum presso la Corte di Cassazione)e dell’ammissibilità del quesito, che come meglio vedremo più avanti, è assegnata alla competenza della Corte Costituzionale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ignazio Terranova Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6414 click dal 30/01/2007.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.