Skip to content

Una rilettura costituzionalmente orientata del D.Lgs. n. 38/00 in merito al danno alla persona indennizzato dall’Inail

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Barresi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Diritto del lavoro
Anno: 2005
Docente/Relatore:
Istituito da: Fond. M.B.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 24

In seguito alle censure mosse dalla Corte Costituzionale (nn. 87, 356 e 485 del 1991) la disciplina dell’indennizzo da parte dell’assicuratore sociale è stata novellata. Il D.Lgs. 38/00, in particolare, ha previsto un riavvicinamento della materia previdenziale alla disciplina della responsabilità civile, ponendo come unico fulcro del sistema l’interesse protetto dall’art. 32 della Carta costituzionale, e come uno dei concetti cardine dell’ordinamento il danno biologico.
Tuttavia la detta riforma costituisce il proverbiale lavoro svolto a metà, comportando una serie di soluzioni di compromesso con l’originario orientamento prevalso nella Commissione Alibrandi nel 1993.
In particolare la normativa in esame presente i seguenti limiti:
1. La previsione di una franchigia, per cui al di sotto di certe percentuali le lesioni non vengono indennizzate ;
2. La esclusione dall’indennizzo del danno biologico non permanente;
3. La apparente inclusione, nel calcolo tramite il rigido metodo tabellare, del ristoro dei profili “dinamico relazionali”, ovvero esistenziali, per usare la terminologia civilisticamente più diffusa;
4. La conseguente possibilità dell’Inail di esercitare surroga o regresso anche per quella parte ideale del danno non patrimoniale attinente ai profili esistenziali.

Con la parallela evoluzione nella elaborazione del danno non patrimoniale in generale, tramite le sentenze Cass. nn. 8827-8/03 prima e nn. 24451/05- 15760/06 poi, si è manifestata, tuttavia, una nuova sensibilità costituzionale degli interpreti. Tali emergenze hanno posto una serie di interrogativi sulla opportunità di compiere una rivisitazione della disciplina che era stata dettata, in via “sperimentale” dal D.Lgs. n. 38/00 in attesa della mai approvata disciplina generale sul danno biologico.
Pertanto ad oggi necessita una rilettura costituzionalmente dell’art. 13 disp. cit. in modo da applicarvi le risultanze della lettura costituzionalmente orientata del sistema in base alla quale è stato partorito il concetto di danno biologico pluridimensionale.
Le conseguenze sono di non poco momento, difatti, smentita la presunta tassatività delle tabelle di cui al D.M. Lavoro 12 luglio 2000 (attuativo del D.Lgs. 38/00), possono superarsi le limitazioni sopra indicate, le quali, allo stato, renderebbero la disciplina previdenziale nuovamente contraria a Costituzione, come preannunciato nella sent. Cost. 281/06, la quale, tuttavia, non è potuta entrare nel merito a causa di troncanti difetti formali della ordinanza di remissione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Una rilettura costituzionalmente orientata del D.Lgs. n. 38/00 in merito al danno alla persona indennizzato †ƒŽŽǯ ƒ‹Ž di Mauro Barresi KEYWORDS: infortuni sul lavoro; danno biologico; danno esistenziale. SOMMARIO: 1. Introduzione; 2. Ricostruzione della genesi del D.Lgs. 38/00; 3. ”‡˜‡ …”‘‹•–‘”‹ƒ †‡ŽŽǯ‡˜‘Ž—œ‹‘‡ †‡ŽŽƒ ǤǤ ‡ †‡Ž †ƒ‘ ‘ ’ƒ–”‹‘‹ƒŽ‡Ǣ ͺǤ ‹ˆŽ‡••‹†‡ŽŽƒ†‡––ƒ‡˜‘Ž—œ‹‘‡•—ŽŽǯ‹–‡”’”‡–ƒœ‹‘‡†‡ŽǤ‰•Ǥ͹;ȀͶͶǢͻǤ‹Ž‡––—”ƒ costituzionalmente orientata del D.Lgs. 38/00, e argomenti favorevoli in proposito. 1. Introduzione. La storia si forma sotto i nostri occhi, e così fanno quei sintetici motti che sintetizzano ‹’”‹…‹’‹˜‹˜‡–‹†‡ŽŽǯ‘”†‹ƒ‡–‘Ǥ‘Ž‡†‘•‹ƒ˜˜‡–—”ƒ”‡‹— tentativo prognostico si potrebbe ipotizzare che un brocardo che i giuristi del ˆ—–—”‘ ‡”‡†‹–‡”ƒ‘ †ƒŽŽƒ •–‘”‹ƒ †‡ŽŽǯ –ƒŽ‹ƒ ”‡’—„„Ž‹…ƒƒ potrà essere: Dzle norme –‡’‘”ƒ‡‡ •‘‘ “—‡ŽŽ‡ †‡•–‹ƒ–‡ ƒ †—”ƒ”‡ ’‹—ǯ ƒ Ž—‰‘dzǡ …‘•¿ fotografando un profilo di quel certo stato patologico che afflige la nostra legislazione. Uno degli esempi concreti da cui trarrebbe origine la massima è la disciplina Dz•’‡”‹‡–ƒŽ‡dz †‹ †ƒ‘ „‹‘Ž‘‰‹…‘ ”‡…ƒ–ƒ †ƒŽ D.Lgs. 38/00 ai fini †‡ŽŽǯ‹†‡‹œ‘Inail. Essa, con una tecnica legislativa censurabile (almeno con la tipica semplicità del ragionamento a posteriori), recita al primo capoverso: DzIn attesa della definizione di carattere generale di danno biologico e dei criteri per la determinazione del relativo risarcimento, il presente articolo definisce, in via sperimentale, ai fini della tutela dell'assicurazione obbligatoria conto gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali il danno biologico come la lesione all'integrità psicofisica, suscettibile di valutazione medico legale, della personaDzǤ

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi