Skip to content

I gemelli: tra alterità e dualità

Informazioni tesi

  Autore: Elena Locatelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Franco Filograsso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

E’ da molto tempo che la ricerca scientifica utilizza i gemelli per giungere a differenziare nell’essere umano i fattori ereditari o innati da quelli dipendenti dalle situazioni ambientali, per determinare l’origine ereditaria di molte malattie oltre che di particolari comportamenti.
Quando si parla di gemelli non è solo l’eccezionalità biologica ad interessare gli studiosi, ma anche le dimensioni più profonde che riguardano la persona umana nel suo complesso.
I gemelli infatti pur non essendo una perfetta duplicazione, sono sicuramente il risultato eccezionale dell’opera o delle potenzialità della natura.
Ad esempio i gemelli identici o monozigotici (MZ), portatori di un patrimonio genetico identico fin dall'inizio, confrontati con i gemelli fraterni o dizigotici (DZ), geneticamente diversi quanto lo sono i fratelli mononati, sono utilizzati per studiare, attraverso test d’intelligenza, in che modo il QI dipenda da fattori ambientali o da fattori ereditari. Secondo Renè Zazzo, i gemelli tendono a formare una “coppia eccessiva” in cui “l’esemplare gemello” rappresenta la sintesi di quel rapporto a due che l’uomo persegue nel corso della sua vita: prima con la madre, poi identificandosi col genitore dello stesso sesso, quindi con gli amici ed infine nel complesso rapporto con la persona amata.
Quando si parla di due si ha sempre a che fare con una realtà complessa in cui è contenuta una parte d'identità ed un’altra d’alterità.
L’uomo, essere di parola, ha bisogno infatti dell’altro per realizzare nel dialogo un rapporto costruttivo: l’altro diventa il mezzo per sentirsi partecipi d’una stessa dimensione umana ma allo stesso tempo il termine di confronto per prendere coscienza di se stessi e della propria particolarità grazie alla differenza.
Per i gemelli questo rapporto di differenziazione e di formazione della personalità risulta più difficile anche quando nell’ambiente familiare essi siano valorizzati nella loro diversità, infatti al di fuori di tale ambiente essi sono considerati “uguali”.
Nella coppia gemellare l’esigenza di differenziazione si manifesta attraverso forme svariate che vanno dallo scegliere abiti differenti fino al realizzare amicizie “uniche”.
Lo studio dei gemelli permette inoltre di chiarire i processi d'identificazione che esistono in tutte le coppie di fratelli.
All’interno della coppia gemellare c’è bisogno della figura simbolica di un terzo (madre, padre, amici) che obbliga i gemelli ad uscire dal loro legame esclusivo attraverso una sorta di competizione tendente a far emergere le capacità peculiari d'ognuno. Questo è fonte di conflitto; infatti l’approvazione della terza persona, rivolta ad uno dei gemelli, provoca nell’altro un forte senso di gelosia che può trasformarsi in scoraggiamento e in cedimento nella competizione oltre che in odio verso il fratello.
Nelle coppie di gemelli si può notare come spesso, per raggiungere gli stessi fini, sono scelte strade opposte: entrambi tendono all’indipendenza e la diversità di percorso è l’espressione di tale esigenza.
Nelle coppie di gemelli monozigotici (MZ) questo processo di differenziazione è più complesso: infatti, a volte, viene a crearsi un legame interno tendente ad una chiusura verso l’ambiente circostante. Tale processo, iniziato per gioco nell’età dello sviluppo, può evolversi in senso antisociale, emarginando ed emarginandosi: un esempio ricorrente è la criptofasia.
Uno dei giochi più frequenti tra gemelli è la “divisione o scambio di ruoli”, un gioco che porta i gemelli a trovare le diversità, esaltando pregi e difetti d’ognuno e rafforzando così la loro individualità.
In conclusione possiamo chiederci fino a che punto sia opportuno nel processo educativo favorire o meno questo complesso cammino di “degemellarizzazione”.
Certo è che, se crescere in “coppia” ha molti aspetti positivi, è però opportuno considerare che nell'adolescenza prima, nell’età adulta poi, i gemelli dovranno, per esigenze sociali, separarsi. Ciò richiede uno sforzo d’autonomia ed indipendenza affinché la separazione sia meno traumatica.
L’indipendenza sarà raggiunta nella misura in cui siano messi maggiormente in atto processi educativi che non soffochino l’ipseità nella coppia, ma la aprano alla differenza e all’alterità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I GEMELLI: TRA IDENTITA’ E ALTERITA’ 3 INTRODUZIONE E da molto tempo che la ricerca scientifica utilizza i gemelli per giungere a differenziare nell essere umano i fattori ereditari o innati da quelli dipendenti dalle situazioni ambientali, per determinare l origine ereditaria di molte malattie oltre che di particolari comportamenti. Quando si parla di gemelli non Ł solo l eccezionalit biologica ad interessare gli studiosi, ma anche le dimensioni piø profonde che riguardano la persona umana nel suo complesso. I gemelli infatti pur non essendo una perfetta duplicazione, sono sicuramente il risultato eccezionale dell opera o delle potenzialit della natura. Ad esempio i gemelli identici o monozigotici (MZ), portatori di un patrimonio genetico identico fin dall’inizio, confrontati con i gemelli fraterni o dizigotici (DZ), geneticamente diversi quanto lo sono i fratelli mononati, sono utilizzati per studiare, attraverso test d intelligenza, in che modo il QI dipenda da fattori ambientali o da fattori ereditari. Secondo RenØ Zazzo, i gemelli tendono a formare una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gemelli
gemelli omozigoti
ipseità
relazioni tra gemelli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi