Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli assetti organizzativi per l'innovazione tecnologica

Questo lavoro riguarda gli assetti organizzativi che favoriscono la creazione di innovazione all'interno dell'azienda, focalizzando l'attenzione sulla corretta organizzazione e gestione delle risorse umane. Dopo un breve excursus sulla situazione innovazionale italiana,il lavoro si sofferma sulle possibili strade innovative che un' azienda può seguire, fino ad arrivare ad un assetto ottimale che le permetta di sfruttare opportunità esterne e interne. L'ultimo capitolo è dedicato ad un caso aziendale, che rafforza a livello pratico le affermazioni fatte a livello teorico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Gli assetti organizzativi per l’ innovazione tecnologica 3 Introduzione L’ ambiente competitivo contemporaneo è senza dubbio il più feroce di tutti i tempi. Appena pochi anni fa un’ azienda doveva preoccuparsi dei concorrenti limitrofi e di un parco clienti piuttosto limitato e prevedibile. Oggi qualsiasi azienda, da quelle microscopiche a quelle che hanno un fatturato che supera il PIL di qualche nazione, devono affrontare concorrenti provenienti da ogni parte del mondo e un numero potenziale di clienti inimmaginabile. Cosa un’ azienda deve fare per sopravvivere in un ambiente del genere? La risposta chiaramente non è univoca e neanche di semplice individuazione. Il mio lavoro si basa sull’ assunto però che qualsiasi impresa che voglia sopravvivere a lungo e prosperare, deve rivolgere la sua attenzione verso l’ innovazione continua a tutti i livelli. Sicuramente le innovazioni tecnologiche svolgono un ruolo precipuo nel conservare vitale un’ azienda. Quante volte si sente dire che un’ impresa è fallita perché non è riuscita, o non si e preoccupata di rinnovarsi? Dunque il primo ordine di problemi riguarda l’ innovazione dinamica. Il secondo ordine di problemi invece scaturisce dalla domanda: come si produce innovazione? La mia tesi è che l’ innovazione trova le sue radici nella struttura organizzativa. Partendo da questo presupposto si può affermare che se l’ impresa è dotata di una struttura adeguata possa innovare più facilmente e meglio dei suoi competitors, avere successo e sopravvivere. In questo lavoro si affrontano le problematiche derivanti dalla struttura organizzativa, soprattutto guardando agli aspetti della sua progettazione. Si cerca di individuare quegli aspetti che rendono possibile la creazione di innovazione, nonché la sua gestione. La domanda che mi sono posto è stata: che cosa, nell’ organizzazione di un’ impresa rende possibile lo scaturire di nuove idee che si trasformano in applicazioni concrete e utili? Ho tentato di dare una mia risposta a questa domanda e rispondere ad un’ altra: cosa un’ azienda deve tenere maggiormente in considerazione in caso di una riprogettazione per rispondere ai cambiamenti? Come si accorgerà il lettore gran parte del lavoro ruota sulla fondamentale importanza delle risorse umane e quindi nella particolare attenzione che si deve rivolgere a quest’ area. Altra enfasi si pone sull’ importanza di un buon vertice aziendale, che sia in grado di spronare l’ intera impresa, per quanto vaste siano le dimensioni. Il primo capitolo è dedicato all’ innovazione intesa come motore per un’

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Emilio Pirraglia Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4773 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.