Skip to content

Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico: vent'anni di produzioni

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Michetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Marco Bertozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 348

Lo studio nell’occuparsi dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (Aamod), prende in esame le realizzazioni audiovisive, e di queste i prodotti finiti a base totale d’archivio. Il corpus è composto da venti film, realizzati tra il 1984 e il 2004, individuati come rappresentativi della complessiva produzione Aamod. Essi esprimono una delle peculiarità dell’Archivio: riproporre, riusare film che fanno proprie le istanze della classe operaia, o comunque di quel settore della società che ne difende e condivide le ragioni.

Parte I: Origini e attività dell’Aamod
L’Aamod, costituito il 20 Novembre 1979, è una struttura non solo archivistica ma anche produttiva. Oltre all’acquisizione e catalogazione di materiale multimediale, la sua attività consiste nella produzione audiovisiva che si svolge su due linee, una è quella della documentazione di avvenimenti contemporanei, attività considerata come necessità permanente di incremento. L’altra è quella dei prodotti finiti, ovvero dei film realizzati dall’archivio. All’interno di quest’ultima categoria si possono individuare sostanzialmente tre tipologie produttive: film a base di materiale originale; film a base parziale d’archivio; film a base totale d’archivio.

Parte II: Film a base totale d’archivio
Tra i principi fondanti dell’attività dell’Aamod uno dei più rilevanti può essere individuato nell’attitudine ad un’informazione diversa da quella dei canali tradizionali e ufficiali. Questo principio sta alla base della produzione audiovisiva dell’archivio che si sviluppa in funzione dell’elemento contenutistico. A partire da esso il presente studio ha analizzato il corpus in oggetto, individuando tre sezioni: 1. La storia del ‘900; 2. I protagonisti del ‘900; 3. Il Lavoro. La trattazione dei venti film in oggetto è stata sviluppata in schede suddivise in più sezioni: informativa; filmografica; descrittiva; del processo produttivo. La lettura critica dei film ha trovato il suo sviluppo nella terza parte della tesi.

Parte III: Il movimento operaio attraverso le immagini del ‘900
Dai venti film, dove prevale la “dimensione della memoria”, emerge un panorama definito, una condizione esistenziale segnata dall’ineluttabile orizzonte del dolore, della difficoltà di vivere in una realtà regolata dall’assoggettamento, sempre e comunque, di uomini ad altri uomini. Un simile quadro di “destini segnati” assume una valenza culturale, una dimensione di ricerca antropologica che si distacca, osserva il panorama descritto. I film d’archivio utilizzati per comporre i prodotti audiovisivi, trattati nel presente studio, avevano un approccio diverso nei confronti dell’argomento trattato, nascevano, magari, come propaganda, si ascrivevano ad una lotta più diretta. Questi frammenti di memoria permettono di compiere, ai registi o curatori dei film prodotti dall’Aamod, delle narrazioni audiovisive strutturate su elementi comunicativi, con un definito bagaglio di informazioni, il cui significato va a mutare in funzione delle associazioni fatte tra i vari brani d’archivio, ma soprattutto in relazione al momento storico-politico in cui questi vengono riproposti. Da un punto di vista formale nel presente studio è stata sviluppata una riflessione a partire da quegli elementi che intervengono nel momento in cui un regista si appresta a comporre il film a base totale d’archivio. In particolare: a) la modalità di gestione del brano d’archivio selezionato, la sua durata ed il rispetto del lavoro di chi ha realizzato il film d’archivio che viene “riusato”; b) l’inserimento di un nuovo testo e come questo si relaziona con l’audio e la grafica dei brani originali.

Appendice
Il lavoro è corredato da più appendici. Una prima parte di essa è composta da quattro tabelle filmografiche che illustrano la totalità dei “prodotti finiti” dell’Aamod. Le ultime tre appendici, più voluminose, sono le interviste a Paola Scarnati, Coordinatrice della attività della fondazione, e ad Ansano Giannarelli (Presidente Aamod 1997-2004) autore di sei film del corpus.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente lavoro, si occupa dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico. Prende in esame le realizzazioni audiovisive, e di queste i prodotti finiti a base totale d’archivio, tracciando il percorso delle scelte che l’Aamod ha di volta in volta operato. Scelte effettuate in funzione di: specifiche tematiche, in particolare quella del lavoro; la commissione da parte di altri; la situazione politico-sociale del momento con l’attenzione a particolari avvenimenti; le occasioni di coproduzione e documentazione. Scelte, queste, effettuate in relazione alle prerogative principali dell’archivio, quali l’attitudine ad un’informazione diversa da quella dei canali tradizionali e ufficiali, e un’attenzione particolare ai temi ed alle condizioni proprie della classe operaia. Il corpus è composto da venti film, significativamente individuati come rappresentativi della produzione audiovisiva dell’archivio, in quanto esprimono una delle sue peculiarità, che consiste nel riproporre, nel riusare film che esprimono le istanze della classe operaia, o comunque di quel settore della società che ne difende e condivide le ragioni. L’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e democratico è una struttura non solo archivistica ma anche produttiva. Oltre all’acquisizione e catalogazione di materiale audiovisivo, la sua attività consiste nella documentazione, e nell’utilizzo di questi materiali in produzioni audiovisive, denominate “prodotti finiti”. Dal 20

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aamod
altrofilm
ansano giannarelli
archivio
audiovisivo
cesare zavattini
cinema del reale
classe operaia
documentario
documento audiovisivo
film d'archivio
filmaker
lavoro
movimento operaio
non-fiction
storia contemporanea
unitelefilm

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi