Skip to content

Dai fatti di cronaca al piccolo schermo: i temi della fiction televisiva

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Vidili
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Televisione Cinema e Produzione Multimediale
  Relatore: Daniela Cardini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

La fiction televisiva è come uno specchio, è il termometro con cui è possibile misurare la temperatura dei problemi sociali, è il mezzo che lascia emergere le tematiche di maggior interesse per l’opinione pubblica, inoltre la televisione è anche in grado di produrre la realtà: le rappresentazioni prodotte influenzano a tal punto la nostra percezione del reale da poter dire che la televisione “produce” essa stessa una sorta di realtà.
La prima parte di questo lavoro si pone come obiettivo capire, basandosi sull’osservazione diretta e sui dati quantitativi dell’OFI, l’Osservatorio sulla Fiction Italiana, quali fatti di cronaca vengono narrati dalla fiction televisiva italiana, cercando di riassumere le linee evolutive della produzione di fiction. Questa analisi procede a sua volta lungo tre direttive principali: possono esistere fiction che affrontano tematiche di cronaca a livello generale, come la droga, la mafia o la criminalità, oppure fiction che si ispirano direttamente a fatti di cronaca realmente accaduti, come la strage di Capaci o i delitti del serial killer Donato Bilancia, oppure, come ultima categoria, esistono fiction in cui viene raccontata la vita di personaggi famosi o coinvolti in fatti di cronaca, si tratta propriamente delle fiction biografiche.
Dopo aver fatto il punto sul “che cosa” viene rappresentato nella fiction televisiva, il lavoro prosegue individuando il “come”, ovvero i modelli e i formati in cui si concretizzano tali rappresentazioni, cercando, per ogni modello, di fornire innanzitutto un inquadramento generale a livello storico e di contesto, approfondendo poi tale analisi con degli esempi significativi di questo modello, per giungere, solo in seguito, alla descrizione delle caratteristiche, dei punti cardini, del modello che si è affermato in Italia.
Nella terza parte, dopo aver analizzato il “che cosa” e il “come”, ci si interroga sul “perché” della scelta di quei fatti di cronaca e di quei formati. Le motivazioni sulla scelta di determinati fatti di cronaca, spiegabili sostanzialmente con la teoria dell’agenda setting, affrontata nella prima parte, ma anche sulla base di necessità produttive, enunciate nel corso della parte dedicata ai formati e alla produzione, vengono affrontate in questa terza parte cercando di capire che cosa lega la cronaca giornalistica alla fiction televisiva. Si cercano così le motivazioni del fatto che certi casi raccontati dalla cronaca giornalistica riescono a trovare spazio anche nella fiction mentre altri non lo trovano, e dunque provando a ragionare su dei possibili criteri di notiziabilità validi anche per la fiction, simili ai news-values, criteri di rilevanza che indichino di che cosa parlare.
Questa analisi parte da un discorso sulla narrazione, aspetto che accomuna informazione e ficton, tenendo presente anche il discorso sul rapporto tra la realtà e il mezzo televisivo, cercando di ragionare sia sul piano storico, sia sul piano degli effetti di senso prodotti dal mezzo televisivo nel rappresentare la realtà, effetti di senso che sono stati per anni argomento di discussione sul potenziale, positivo e negativo, che la televisione ha nel formare il senso comune e nel dare forma alla realtà in cui viviamo. L’ipotesi di fondo di questo lavoro è che la fiction televisiva sia un modo per affrontare i fatti di cronaca cercando di metabolizzarli, trovando nella fiction una sorta di catarsi, un modo per cercare di dare un senso anche a omidici efferati, altrimenti inconcepibili, ritenendo la fiction come un modo per esorcizzare il Male, la Morte e le nostre paure.
Come appendice a questo discorso un approfondimento dedicato al problema della legittimità della fiction come mezzo per raccontare la cronaca affronta questo aspetto sia dal punto di vista legale che etico. Una parte di questa appendice è dedicata al raccontare la guerra tramite la fiction, in quanto la guerra è un fatto di cronaca del tutto particolare, per la cui gravità e importanza politica sono estremizzati tutti i problemi di natura legale ed etica.
Obiettivo di questo lavoro è cercare di fornire una panoramica sul fenomeno in questione, cercando di evidenziare le differenze tra le possibili rappresentazioni del reale, non solo dal punto di vista tecnico-produttivo, ma soprattutto a livello di senso. Qual è il senso di rifarsi al reale? Come mai alcune fiction si ispirano a fatti di cronaca più o meno velatamente? Come mai altre hanno invece l’intento di ricostruire il reale? Con che criterio vengono scelti dei fatti di cronaca piuttosto che altri?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La fiction televisiva è come uno specchio, è il termometro con cui è possibile misurare la temperatura dei problemi sociali, è il mezzo che lascia emergere le tematiche di maggior interesse per l’opinione pubblica, inoltre la televisione è anche in grado di produrre la realtà: le rappresentazioni prodotte influenzano a tal punto la nostra percezione del reale da poter dire che la televisione “produce” essa stessa una sorta di realtà. Da diversi anni, in particolare dall’inizio degli anni Novanta, la fiction televisiva italiana incomincia a riconoscere nei fatti di cronaca il terreno privilegiato in cui trovare ispirazione per le proprie storie e i propri personaggi. Il punto di svolta a livello storico, sia per formato e modelli, sia per tematiche, è rappresentato da La Piovra. A partire da questo periodo in Italia si producono sempre di più fiction che raccontano la criminalità organizzata, la mafia, i traffici di droga e il terrorismo. Gli anni passano, ma la fiction televisiva sembra essere sempre al passo con i tempi ed evolve a seconda dello sviluppo sociale e politico del paese. Così la mafia cede il passo alla microcriminalità di provincia e ai problemi sociali di un Paese sempre più multietnico che si trova a dover accogliere una moltitudine di immigrati senza lavoro e che, per sopravvivere, sono portati a compiere atti criminali. Con il passare del tempo entrano a far parte del materiale tematico anche i delitti che avvengono all’interno delle mura domestiche e ad opera di serial killer, inoltre nasce la casa di produzione Taodue film di Piero Valsecchi, per vocazione interessata alla cronaca, e arriva in Italia il canale satellitare Fox Crime. Abbiamo così un quadro attuale in cui, accanto a fiction di invenzione, ci sono sempre più 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi