Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi antropologica di un racconto di vita

La ricerca parte dall'analisi di un racconto di vita di un carcerato della prigione di M'Balmayo Camerun per ricostruire i percorsi che nella società africana possono portare i ragazzi a cadere in dinamiche di banditismo e espulsione dalla famiglia prima, e dalla società poi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Lo spunto per la realizzazione di questa ricerca nasce dalla curiosità di conoscere meglio la realtà carceraria nella città di M’balmayo in Camerun. Come ogni ricerca, anche questa nasce da un’idea, si sviluppa nella realtà e spesso prende strade diverse rispetto a quella che era l’intenzione iniziale, come dire, sfugge dalle mani del ricercatore perché prende vita propria. Se questo può essere considerato un limite della ricerca sociale perché, per alcuni modi di vedere, manca di quel rigore scientifico tanto invidiato ad altri settori del sapere, da una prospettiva differente può essere considerata la sua forza: indagando realtà sociali ci si confronta con persone che divengono a loro volta, soggetti attivi della ricerca e come tali ne prendono parte costruendola. È indispensabile, in ogni caso, dare alla ricerca sociale un rigore ed un metodo per l’indagine. Mi sono sforzato di mantenere questo lavoro all’interno di cinque punti cardine per sviluppare il lavoro generale: Dato etnografico: il lavoro è impostato alla luce della storia di vita di un protagonista che si trova in una condizione di marginalità rispetto al gruppo d’appartenenza. Gli Stati riconoscono il diritto del fanciullo accusato e riconosciuto colpevole di aver violato la legge penale ad essere trattato in modo che risulti atto a promuovere il suo senso di dignità e valore, che rafforzi il suo rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali altrui, e che tenga conto della sua età, nonché dell’esigenza di facilitare il suo reinserimento nella società e di fargli assumere un ruolo costruttivo in seno a quest’ultima. (Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, Art.40)

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luca Villa Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1961 click dal 09/02/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.