Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Accessibility Kit: Valutazione dell'Accessibilità dei siti web della Pubblica Amministrazione per gli utenti con disabilità cognitive

Un approccio allo sviluppo e alla realizzazione di siti web che tiene conto solo dei requisiti tecnici (quali ad esempio le specifiche W3C e WAI) non è sufficiente per garantire una reale accessibilità per gli utenti con disabilità. Se la verifica di un sito risulta accessibile; ad
esempio a tutti i checkpoint con alta priorità, alcuni utenti con disabilità potrebbero continuare a non riuscire a navigare e a utilizzare il sito web.
Tra le diverse tipologie di disabilità quelle cognitive sono poco considerate da chi sviluppa e realizza siti internet, nonostante rappresentino una categoria rilevante di utenti web, in quanto l’accessibilità risulta di difficile realizzazione.
Per quanto riguarda, poi, l’accessibilità dei siti web della Pubblica Amministrazione italiana è in vigore la Legge Stanca, basata sulla verifica di requisiti tecnici e soggettivi.
Risulta pertanto opportuno considerare anche la user experience, attraverso un approccio che in grado di valutare sia i requisiti tecnici tipici dell’accessibilità, sia gli scenari d’uso con specifici tasks, relative all’analisi di usabilità.
Nella presente tesi si sono, pertanto, analizzati i siti web della Pubblica Amministrazione, con un particolare attenzione agli utenti con disabilità cognitive.
Si è infatti ritenuto molto importante approfondire lo studio e l’analisi della particolare categoria di utenti con disabilità cognitive, attraverso la raccolta dei questionari, per meglio comprendere le esigenze e le richieste dei disabili cognitivi, e il testing, al fine di evidenziare le difficoltà nella navigazione sia generale che per specifici obiettivi
(rappresentati da tasks).
E’ fondamentale assicurare che tutti gli utenti possano facilmente navigare e comprendere i contenuti del sito; infatti il semplice fatto che lo screen magnifier mostri correttamente le informazioni, non significa che gli utenti le riescano realmente a leggere e siano in grado di
utilizzare il sito web.
E’ emersa in particolare la necessità di rendere maggiormente fruibili i siti web della Pubblica Amministrazione:
- i contenuti con informazioni leggibili e comprensibili (e quindi non “burocratiche”);
- la presentazione con un layout chiaro e con senso logico;
- la navigazione semplice, soprattutto nella ricerca delle informazioni.
E’ stato presentato un strumento (kit) di valutazione dell’accessibilità/usabilità dei siti web
della Pubblica Amministrazione per disabili cognitivi, utilizzando un approccio che tiene conto, oltre dei requisiti tecnici, anche delle specifiche proprie dell’usabilità, costituite da scenari e da tasks.
Il kit di valutazione dell’accessibilità/usabilità dei siti web della Pubblica Amministrazione potrà poi essere utilizzato da esperti per eseguire analisi dettagliate o dagli stessi Enti Pubblici per un’autovalutazione.
In generale si può pertanto concludere che la valutazione dell’accessibilità dei siti della Pubblica Amministrazione risulta maggiormente completa ed efficace se si includono i principi tipici dell’usabilità, che mettono al centro dell’attenzione l’utente con disabilità.

Mostra/Nascondi contenuto.
Accessibility Kit per disabili cognitivi dei siti delle PA Giuseppe Colombo Paolo Colombo 5 Executive Summary Un approccio allo sviluppo e alla realizzazione di siti web che tiene conto solo dei requisiti tecnici (quali ad esempio le specifiche W3C e WAI) non è sufficiente per garantire una reale accessibilità per gli utenti con disabilità. Se la verifica di un sito risulta accessibile; ad esempio a tutti i checkpoint con alta priorità, alcuni utenti con disabilità potrebbero continuare a non riuscire a navigare e a utilizzare il sito web. Tra le diverse tipologie di disabilità quelle cognitive sono poco considerate da chi sviluppa e realizza siti internet, nonostante rappresentino una categoria rilevante di utenti web, in quanto l’accessibilità risulta di difficile realizzazione. Per quanto riguarda, poi, l’accessibilità dei siti web della Pubblica Amministrazione italiana è in vigore la Legge Stanca, basata sulla verifica di requisiti tecnici e soggettivi. Risulta pertanto opportuno considerare anche la user experience, attraverso un approccio che in grado di valutare sia i requisiti tecnici tipici dell’accessibilità, sia gli scenari d’uso con specifici tasks, relative all’analisi di usabilità. Nella presente tesi si sono, pertanto, analizzati i siti web della Pubblica Amministrazione, con un particolare attenzione agli utenti con disabilità cognitive. Si è infatti ritenuto molto importante approfondire lo studio e l’analisi della particolare categoria di utenti con disabilità cognitive, attraverso la raccolta dei questionari, per meglio comprendere le esigenze e le richieste dei disabili cognitivi, e il testing, al fine di evidenziare le difficoltà nella navigazione sia generale che per specifici obiettivi (rappresentati da tasks). E’ fondamentale assicurare che tutti gli utenti possano facilmente navigare e comprendere i contenuti del sito; infatti il semplice fatto che lo screen magnifier mostri correttamente le informazioni, non significa che gli utenti le riescano realmente a leggere e siano in grado di utilizzare il sito web. E’ emersa in particolare la necessità di rendere maggiormente fruibili i siti web della Pubblica Amministrazione: - i contenuti con informazioni leggibili e comprensibili (e quindi non “burocratiche”); - la presentazione con un layout chiaro e con senso logico; - la navigazione semplice, soprattutto nella ricerca delle informazioni. E’ stato presentato un strumento (kit) di valutazione dell’accessibilità/usabilità dei siti web della Pubblica Amministrazione per disabili cognitivi, utilizzando un approccio che tiene conto, oltre dei requisiti tecnici, anche delle specifiche proprie dell’usabilità, costituite da scenari e da tasks. Il kit di valutazione dell’accessibilità/usabilità dei siti web della Pubblica Amministrazione potrà poi essere utilizzato da esperti per eseguire analisi dettagliate o dagli stessi Enti Pubblici per un’autovalutazione. In generale si può pertanto concludere che la valutazione dell’accessibilità dei siti della Pubblica Amministrazione risulta maggiormente completa ed efficace se si includono i principi tipici dell’usabilità, che mettono al centro dell’attenzione l’utente con disabilità.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Colombo Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1461 click dal 15/02/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.