Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli strumenti giuridici per la cooperazione transfrontaliera italo-francese

gli strumenti giuridici per la cooperazione transfrontaliera affronta in maniera concisa ma esauriente tutti i vari mezzi posti dal legislatore, italiano ed internazionale per affrontare le problematiche delle zone di frontiera.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La cooperazione transfrontaliera è un campo di studi relativamente nuovo in diritto, un fenomeno apparso negli anni '60, in Europa principalmente. È un campo piuttosto accidentato, dove la competenze si intrecciano e si attorcigliano: sovranità nazionale dei singoli stati, Unione europea, Consiglio d'Europa e diritto internazionale propriamente detto intercorrono a definire questo particolare ambito. In Italia a dir la verità il problema non è molto sentito, nonostante l'arco alpino formi una lunga frontiera, ma all'estero vi è un vivo fermento in merito. Non è cosi semplice capire questo fenomeno, se non ripercorrendo la storia e avendo ben chiare le tappe che hanno condotto alla situazione attuale. Una Convenzione Quadro sulla cooperazione transfrontaliera è stata firmata nel 1980 in seno al Consiglio d'Europa (Convenzione di Madrid). Questa costituisce ancora ai giorni nostri il solo strumento giuridico multilaterale che tratta della cooperazione transfrontaliera, ed ha per scopo la promozione di "ogni comune progetto che miri a rafforzare e sviluppare i rapporti di vicinato tra le collettività o le autorità territoriali" (articolo 2 comma 1 Convenzione Quadro) e di facilitare la cooperazione delle collettività o delle autorità territoriali appartenenti a degli stati aventi frontiere comuni. Nel concreto le frontiere hanno sovente diviso ciò che era naturalmente una unità culturale, sociologica ed economica, quindi, la cooperazione transfrontaliera permette di ritrovare questa unità artificialmente distrutta dalla linea di frontiera imposta dagli stati. I problemi inerenti alla cooperazione transfrontaliera sono in primis connessi alla sovranità degli Stati, in quanto al di qua delle frontiere, ciascuno stato esercita l'insieme delle competenze legate alla sua sovranità territoriale e tali competenze vengono a sbriciolarsi contro la frontiera. Solo lo stato è sovrano, solo lo stato possiede il potere di fare le leggi, solo lo stato è capo nella sua politica, tanto interna quanto esterna(1). 2

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elisa Gastaldi Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 731 click dal 14/02/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.