Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sorveglianza elettronica del sottoposto a pena negli U.S.A. (o braccialetto elettronico)

Oggetto della presente trattazione è la sperimentazione attuata negli U.S.A sulla tecnologia del braccialetto elettronico nei confronti di criminali sottoposti a misure alternative al carcere, quali la libertà vigilata e gli arresti domiciliari. Si esaminano vari esperimenti effettuati in diverse contee statunitensi e i relativi risultati. Le considerazioni finali sono rivolte alla possibilità di applicazione di tale tecnologia, denominata in U.S.A. ''electronic monitoring'', anche in Italia per alleviare il sovraffollamento carcerario e il conseguente eccessivo clemenzialismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
I CAPITOLO: EVOLUZIONE DELLE FUNZIONI ; DELLE TECNICHE DELLO STRUMENTO PUNITIVO 1 Evoluzione storica del concetto di pena Il concetto di pena il suo fondamento ideologico funzionale hanno subito nel corso del tempo una evoluzione significativa, legata ai diversi contesti socioculturali che si sono storicamente succeduti. Eppure, nonostante si sia cercato di dare al potere di punire una giustificazione via via diversa, esso continua mantenere un significato costante. Pena sinonimo di castigo: essa in generale indica il dolore, la sofferenza che viene inflitta colui che ha violato un comando. Suo carattere essenziale irrinunciabile quindi l'afflittività. Dal punto di vista sostanziale la pena consiste nella privazione diminuzione di un bene individuale. Mentre nelle epoche pre illuministiche esisteva una grande varietà di pene, alcune delle quali colpivano direttamente l'onore (gogna, marchio), altre l'integrità fisica (mutilazione, fustigazione ), negli stati moderni la pena incide solo su tre beni: la vita, la libertà il patrimonio. Queste non sono le uniche differenze fra il sistema punitivo odierno e quello pre illuministico, si pensi al fatto che ora la sofferenza derivante da una pena scaturisce da una legge preventivamente stabilita viene irrogata da un' autorità ciò deputata, l' autorità giudiziaria, mediante un processo che dovrebbe garantire i singoli dall' arbitrio del potere statale; mentre prima non vi era la certezza del diritto, la pena veniva eseguita arbitrariamente, le possibilità giurisdizionali erano estese anche agli organi di polizia, inoltre le pene erano crudelissime inappellabili non era contemplato il diritto di difesa. Per non parlare del fatto che il delinquente era considerato alla stregua di un attentatore malvagio nei confronti del sovrano spesso gravato da un giudizio di colpa di significato anche religioso. Il carcere poi era previsto soprattutto come luogo di attesa del giudizio non come il fondamentale mezzo di punzione 1 . 1 Ponti G, 1980. "Compendio di criminologia." Milano, Raffaello Cortina Editore.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Francesca Russo Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2416 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.