Skip to content

Le Scuole di dottorato di ricerca: analisi dei modelli e delle problematiche didattico-scientifiche ed amministrative

Informazioni tesi

DIRITTO E AMMINISTRAZIONE UNIVERSITARIA
  Autore: Annamaria Manetti
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Roberto Barsotti
Istituito da: Università degli Studi di Pisa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

ANALISI NEL QUADRO DELLA NORMATIVA STATALE VIGENTE DELLA FASE SPERIMENTALE DEI PRINCIPALI MODELLI DI AGGREGAZIONE IN SCUOLE DI DOTTORATO (UNICA, DI AREA E INTEGRATIVA) DELLE PIU' IMPORTANTI UNIVERSITA' ITALIANE, VALUTANDO LA POSSIBILITA' DI RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREFISSATI, IN PARTICOLARE QUELLO DELLA MAGGIORE EFFICIENZA E QUALITA' SIA DAL PUNTO DI VISTA DELL'OFFERTA FORMATIVA CHE DELLA GESTIONE DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO UTILIZZATO.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA L’Università italiana sta vivendo attualmente un riordino della formazione dottorale (3° livello dei corsi di studio universitario) con lo scopo di promuovere la qualità dell’alta formazione attraverso l’accorpamento, l’incentivazione di accordi con istituzioni e centri di ricerca e di iniziative di internazionalizzazione che favoriscano il coinvolgimento e la mobilità dei dottorandi nella ricerca scientifica nazionale ed internazionale. Lo scopo del Dottorato di Ricerca è infatti quello di “…fornire le competenze necessarie per esercitare presso università, enti pubblici e soggetti privati attività di ricerca di alta qualificazione…” (art 4 l. n. 210 del 03/07/98). Lo stesso Ministro dell’Istruzione Moratti annunciò nel 2003, durante la conferenza di Berlino fra tutti i Ministri U.E. dell’istruzione, l’obiettivo di potenziare i dottorati di ricerca per farli diventare un terzo ciclo di istruzione universitaria incentivandone l’internazionalizzazione, garantendone la qualità e promuovendo i centri di eccellenza universitaria. Per cercare di superare l’eccessiva frammentazione dei corsi di dottorato, che comporta in molti casi una docenza ed un programma formativo inadeguati alla ricerca di alta formazione, una minore apertura agli studenti ed una diseconomia funzionale del personale amministrativo (che deve spesso occuparsi anche di altre mansioni all’interno dei singoli dipartimenti), e per potenziare i rapporti con la realtà industriale e con la comunità scientifica nazionale ed internazionale, i più importanti Atenei hanno avviato negli ultimi anni (nei limiti imposti alla loro autonomia dalla normativa statale e seguendo le indicazioni del Comitato Nazionale per la valutazione del sistema universitario) un processo di istituzione delle Scuole di Dottorato (o Graduate-Schools), aggregando, con diversi modelli organizzativi, corsi con tematiche affini per promuovere, organizzare e gestire tutte le attività connesse ai dottorati afferenti ad ampie aree multidisciplinari o interdisciplinari. Lo scopo di questa tesi è quello di analizzare, nel quadro dei principi e limiti posti dalla normativa statale vigente, la fase sperimentale dei principali modelli di aggregazione in Scuole, valutando la possibilità di raggiungimento degli obiettivi prefissati. Particolare attenzione è stata prestata all’obiettivo della maggiore efficienza e qualità sia dal punto di vista dell’offerta formativa che della gestione del personale amministrativo, analizzando le potenziali economie e le diseconomie delle diverse forme di organizzazione, prestando particolare attenzione alla soluzione della sede unica sia per le attività didattico-scientifiche che per quelle strettamente amministrative- contabili. Si auspica, infatti, che l’istituzione delle Scuole di Dottorato non si configuri solo come una semplice ristrutturazione funzionale di un insieme di corsi di dottorato già esistenti, al fine di ricevere incentivi finanziari statali, ma piuttosto come strumento di creazione di un effettivo valore aggiunto in termini di più adeguate strutture, maggiore funzionalità dal punto di vista logistico ed amministrativo e, soprattutto, di una migliorata qualità e flessibilità dell’offerta didattica e di formazione alla ricerca scientifica, anche in collegamento con il mondo del lavoro, assicurando ai singoli dottorati momenti formativi qualificanti e più estesi rapporti con gli ambienti esterni, sia professionali che di ricerca. Il Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU) ritiene infatti che le Scuole debbano costituirsi solo dove esistano risorse strutturali, umane e finanziarie da dedicare al loro funzionamento e solo nei settori considerati di eccellenza, proprio perché, in caso contrario, esiste il duplice rischio di causare l’insorgere di conflitti di competenze con le strutture già esistenti (ad esempio, in seguito all’accentramento delle funzioni didattiche ed amministrative) e di aumentare i tempi di risposta e le risorse necessarie, portando così ad aggravi anziché agli auspicati vantaggi. II

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

elementi strutturali scuole dottorato
modelli di aggregazione corsi dottorato
requisiti dei corsi di dottorato
scuola di area
scuola integrativa
scuola leonardo da vinci
scuola unica
scuole dottorato di ricerca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi