Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sezioni unite Torcasio un'altra vittoria del giusto processo

I vari orientamenti giurisprudenziali intorno alla definizione di "intercettazione telefonica". I casi di inammissibilità per le registrazioni disposte dagli agenti di pubblica sicurezza. Il parere finale del Supremo Consesso

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Sezioni Unite Torcasio: un’altra vittoria del giusto processo CASSAZIONE – SEZIONI UNITE PENALI - 24 settembre 2003 n. 36747, (u.p. maggio 2003). Pres. Marvulli – Rel. Milo – P.m. Palombarini (concl. parz. diff.) – Torcasio e altro, ricorrente. […] Motivi della decisione [Omissis] La questione sottoposta all’esame delle sezioni è “se la registrazione fonografica di colloqui intercorsi tra operatori di polizia giudiziaria e loro informatori, effettuata ad iniziativa dei primi e all’insaputa dei secondi, richieda, ai fini dell’utilizzabilità probatoria dei contenuti, l’autorizzazione dell’autorità giudiziaria nelle forme e nei termini previsti per le intercettazioni di conversazioni o comunicazioni tra presenti”, essendosi delineati sul tema contrastanti indirizzi interpretativi nella giurisprudenza di legittimità. Tali contrasti, per la verità non si evidenziano in maniera massiccia e radicale, forse perché le soluzioni di volta in volta fornite non sempre sono riconducibili ad un medesimo principio, ma risentono piuttosto del condizionamento rinveniente dalla contingenza del singolo caso concreto. Sta di fatto che, secondo l’orientamento assolutamente maggioritario, pur nella variegata gamma di situazioni esaminate, le registrazioni di conversazioni o di comunicazioni ad opera di uno degli interlocutori non sono riconducibili nel novero delle intercettazioni e non soggiacciono alla disciplina per queste ultime prevista, considerato che difetta, in tali casi, l’occulta percezione del contenuto dichiarativo da parte di soggetti estranei alla cerchia degli interlocutori e che si realizza soltanto la memorizzazione fonica di notizie liberamente fornite e lecitamente apprese, con l’effetto che le relative bobine possono essere legittimamente acquisite al processo come documenti

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angelo Cianchi Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1851 click dal 19/02/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.