Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove strategie formative nella pubblica amministrazione

Oggetto della tesi è il nuovo modello di pianificazione e gestione della formazione sviluppato dall’Agenzia delle Entrate in Lombardia.
Dopo una premessa teorica che, partendo dall’illustrazione di alcune concezioni e teorie sulla formazione nelle organizzazioni, si giunge alla descrizione del sistema formativo del Ministero delle finanze prima (ante 2001) e dell’Agenzia delle Entrate poi (dal 2001), evidenziandone già i tratti distintivi ed innovativi.
Il tema centrale della tesi è costituito dal “caso” della Direzione Regionale delle Entrate della Lombardia e del suo innovativo sistema formativo (vincitore nel 2006 del primo premio assoluto nella sezione sistemi formativi del premio “Filippo Basile” dell’AIF – Associazione Italiana Formatori).
Il “cuore” di tale sistema è costituito dalla forte sinergia costituita tra tutti i dirigenti dell’Agenzia delle Entrate della Lombardia (in quanto gestori e “sviluppatori” di risorse) e l’Ufficio Formazione regionale (responsabile del governo della formazione nella regione). La sinergia è stata ottenuta attraverso la costruzione di un percorso che ha individuato la mappa dei saperi necessari in relazione ai processi lavorativi ed alla mission dell’Agenzia, sulla base del quale è stato predisposto un catalogo formativo aggiornato e coerente con l’attività lavorativa dei dipendenti situati in ogni livello dell’organizzazione. Ciò ha permesso, in seguito, ai dirigenti di trovare nel catalogo sempre il corso adatto per colmare i gap rilevati, perché nel catalogo sono sempre rintracciabili percorsi formativi relativi a tutti i processi lavorativi dell’Agenzia.
L’ultima parte della tesi riguarda la descrizione della metodologia formativa riconducibile alle comunità di pratica. Vengono descritte della loro natura e funzione, vengono esaminati punti di forza ed aree di miglioramento, specie in relazione al loro rapporto, non sempre facile, con le organizzazioni a cui fanno capo o riferimento e infine viene prospettata l’utilità e l’applicabilità delle comunità di pratica in Agenzia delle Entrate, grazie alle specifiche caratteristiche delle une e dell’altra.
La conclusione invita a riflettere sulla inevitabile evoluzione del ruolo della formazione all’interno della pubblica amministrazione, dove dovrà assumere sempre più la funzione di governo dei processi di apprendimento, puntando l’attenzione sui saperi condivisi e diffusi all’interno del proprio capitale umano e, quindi, sulla centralità della persona e del suo apprendimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La mia tesi affronta il tema della formazione all’interno della Pubblica Amministrazione ed in particolare all’interno dell’Agenzia delle Entrate della Lombardia. Questo interesse nasce innanzi tutto dalla mia passione per la formazione già dai tempi dell’adolescenza, quando ho frequentato un corso di studi d tipo pedagogico iniziando subito a lavorare nella scuola. Il caso ha poi voluto che vincessi un concorso presso l’allora Ministero delle finanze ed oggi Agenzia delle Entrate, dove inizialmente mi sono occupata di altro fino al 2002, quando sono stata assegnata all’Ufficio Formazione, comunicazione e sviluppo. Ho finalmente cominciato ad occuparmi di ciò che realmente mi piaceva, cioè pianificazione ed organizzazione dei corsi, ma anche docenza e soprattutto è riemersa in me una grande voglia di crescita e di miglioramento. Perché questa tesi? Sicuramente perché una delle sfide più rilevanti poste oggi alla formazione, e quindi anche alla formazione all’interno della pubblica amministrazione, è quella di dimostrare la capacità di stare al passo con la rapidità con la quale l’informazione circola e diviene obsoleta. Il modello della formazione tradizionale e scolastica, in base alla quale si apprende un mestiere che poi si esercita per tutta la vita, è stato sostituito della formazione continua. L’aggiornamento immediato ed affidabile delle conoscenze è, quindi, una questione vitale, così come lo è la capacità di far fronte con estrema flessibilità alle esigenze di un’amministrazione pubblica che cambia. L’obiettivo di questo lavoro è quello di comprendere come la leva formativa sia utilizzata nell’ambito delle strategie di gestione delle risorse umane nella Pubblica Amministrazione, con particolare riferimento alla Agenzia delle Entrate, e di analizzare le logiche con cui negli ultimi anni vengono realizzate le attività formative.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Incoronata Pietrafesa Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2615 click dal 19/02/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.