Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scelta vegana e la nuova idea di rispetto della biosfera

L’affannosa, confusa e utopica ricerca dell’etica stessa pare continuare a protrarsi lungo una strada paragonabile tanto ad un interminabile sentiero quanto ad un vicolo cieco. L’analisi storica conduce ogni singolo attento studioso a comprendere che per quanto si possa librarsi nel tempo e nello spazio, non v’è un solo contesto in cui si possa asserire ci sia stato un unanime parere relativo al proprio fabbisogno di benessere. Nota è, all’interno del vasto raggio delle scienze umane, l’irraggiungibilità d’una morale comune accettata universalmente, razionale o religiosa che essa sia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO PRIMO: RIFLETTENDO SULLA BIOSFERA 1.1 Il (complesso) concetto di qualità della vita Mi permetto un’introduzione atipica, invitando il lettore a non affrettarsi nel giungere a delle conclusioni. (Di seguito una sequenza apparentemente illogica di soli alcuni dei tasselli facenti parte il puzzle che ho in mente di analizzare). • «Quand’ero Gesù di Nazaret parlai a molti uomini della Legge della vita ed anche degli animali che percepiscono dolore, sofferenza e gioia, come gli uomini. Come l’uomo dovrebbe essere a favore del prossimo e non contro di lui, dovrebbe anche amare gli animali e portare responsabilità nei loro confronti, dato che essi servono l’uomo. Insegnai in continuazione agli uomini che anche gli animali sono creature di Dio che l’uomo non dovrebbe disprezzare, ma amare. Chi li picchia o li tormenta, sperimenterà un giorno cose simili o uguali sulla propria anima e sul proprio corpo. Infatti, ciò che l’uomo arreca ai propri simili ed alle creature, agli animali, lo arreca a se stesso». 1 • «E’la cosa più terribile, la normalità. Toglie ogni speranza». 2 • « […] l’obbedienza all’autorità è un pericolo per la nostra sopravvivenza, insito nella nostra struttura biologica, è la capacità dell’uomo di allontanarsi dalla propria umanità, ed in realtà è inevitabile che questo accada, quando egli fonde la sua personalità individuale in una più ampia struttura istituzionale. È una sorta di tendenza innata in noi che, alla lunga, dà alla nostra specie una modesta possibilità di sopravvivenza». 3 • «Coraggio, bambino. Pensi che il seme di un albero non abbia bisogno di coraggio quando buca la terra e germoglia? Basta un colpo di vento a staccarlo, la zampina di un topo a schiacciarlo. Eppure lui germoglia e tiene duro e cresce gettando altri semi. E diventa un bosco. Se un giorno 1 V. UNIVERSALE, Gli animali soffrono: il profeta denuncia, 4a ed. febbraio 2005, Germania, p. 14. 2 M. BERATI, M. TETTAMANTI, Diventa vegan in 10 mosse, Sonda, Casale Monferrato, 2005, p. 22. 3 S. MILGRAM, Obedience to Authority: An Experimental View, Harper&Row, New York, 1974, p.96.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michelangelo Mastrosimini Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2953 click dal 26/02/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.