Skip to content

Il concetto di infinito nella teoria assiomatica degli insiemi

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Guerrieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Lorenzo Tortora de Falco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Nel pensiero matematico l’infinito svolge un ruolo fondamentale. Una risposta chiara e definitiva alla domanda “che cosa è l’infinito matematico?” è stata dato solo a partire dalla seconda metà dell’Ottocento grazie alla teoria degli insiemi e all’opera dei suoi fondatori: Richard Dedekind e soprattutto Georg Cantor.
Il primo capitolo della tesi intende mostrare, attraverso un rapido percorso storico, come la teoria degli insiemi servendosi del rigore matematico sia arrivata a stravolgere il concetto di infinito fino a rovesciarne la nostra nozione intuitiva millenaria: si parte dalla definizione di infinito come mera negazione del finito, filosoficamente traducibile in una concezione potenziale dell’infinito che ne nega realtà e lo vede con diffidenza come causa di errori. Tale concezione è dovuta ai paradossi in cui si imbatterono matematici e filosofi sia dell’antica Grecia sia dell’epoca moderna. Nell’’800 invece Dedekind e Cantor compresero che i paradossi moderni, lungi dall’essere delle assurdità, evidenziavano la differenza tra finito e infinito, e li trasformarono in una nuova e rivoluzionaria definizione di infinito che permise di concepirlo in atto e di conferirgli una valenza positiva.
Nel secondo capitolo della tesi ci muoveremo all’interno della teoria assiomatica degli insiemi per illustrare una delle scoperte più sconvolgenti della storia della matematica, dovuta a Cantor: l’esistenza di infinti di grandezza diversa, che possono disporsi secondo una gerarchia crescente senza mai raggiungere un infinito assoluto più grande di tutti gli altri. Il risultato appare ancora più sorprendente se si considera che in molti casi due insiemi di cui uno sembra essere molto più “grosso” dell’altro sono in realtà dello stesso tipo di infinità.
L’ultimo capitolo, più tecnico, mostrerà da un lato come nella teoria assiomatica degli insiemi per poter avere degli insiemi infiniti si deve postularne l’esistenza (più precisamente si tratta di mostrare che l’assioma dell’infinito è indipendente dagli altri assiomi) dall’altro come solo l’infinito permetta di dimostrare alcune proprietà che riguardano esclusivamente il finito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 “Ci sono due famosi labirinti in cui la nostra ragione spesso si perde: il problema della libertà e necessità da un lato, della continuità e dell’infinito dall’altro” Gottfried Leibniz “[L’infinito] è un parto della nostra immaginazione, della nostra piccolezza ad un tempo e della nostra superbia.” Giacomo Leopardi Introduzione L’infinito è un tema che ha sempre accompagnato il pensiero filosofico sin dalle sue origini. Per citare alcuni esempi, si va dall’απειρον di Anassimandro (610-547 a.C. circa) nell’antica Grecia all’Infinito ex parte formae come prerogativa di Dio in San Tommaso d’Aquino (1221-1274) nel Medioevo, dagli infiniti mondi in un universo illimitato per Giordano Bruno (1548-1600) nel Rinascimento al Dio inteso come sostanza costituita da una infinità di attributi in Baruch Spinoza (1632-1677), per giungere all’Infinito di G. W. Friedrich Hegel (1770-1831), Totalità assoluta in cui si risolve ogni realtà finita. Tutti i dizionari di filosofia sottolineano il fatto che il termine “infinito” è piuttosto equivoco, in quanto se ne possono dare più definizioni, a seconda del contesto a cui si fa riferimento. L’etimologia non aiuta: i termini che lo designano in latino e in greco sono rispettivamente infinitum (da in- negativo + finitus, letteralmente “non finito”) e απειρον (da α- negativo + πέρας, letteralmente “senza limiti”) e coprono una gamma di significati non perfettamente coincidenti, come “illimitato”, “senza fine” o “inesauribile” ma anche “indeterminato” e “indefinito”. È un concetto che può essere inteso sia come principio (o infinito qualitativo, riferito a Dio o all’Assoluto, oggetto della teologia e della filosofia), sia come grandezza (o infinito quantitativo, oggetto della scienza). Quest’ultimo tipo di infinito si articola ulteriormente in infinito fisico, che può essere spaziale o temporale, e in infinito matematico, che può essere geometrico (se riferito agli enti astratti della geometria) o aritmetico (se riferito all’infinità dei numeri). Nel pensiero matematico l’infinito svolge un ruolo fondamentale: ad esempio la geometria e l’analisi matematica (in particolare la teoria dei limiti) hanno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bolzano
cantor
cardinalità
dedekind
equipotenza
finito
galileo
infinito potenziale e attuale
ipotesi del continuo
logica matematica
metodo diagonale
numerabile
numero cardinale
numero ordinale
paradossi
pitagorici
più che numerabile
potenza del continuo
teorema di goodstein
zenone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi