Skip to content

L'impatto delle politiche europee sulla riorganizzazione delle ferrovie italiane

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Bussi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Giulio Moini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Le decisioni politiche provenienti dalle istituzioni europee influenzano quelle prese a livello nazionale, alcune volte imponendo cambiamenti, altre volte suggerendo modifiche e migliorie. Un processo che può essere analizzato attraverso il concetto di europeizzazione, ossia attraverso due fasi dell’azione congiunta tra Paesi membri ed istituzioni europee: dall’individuazione di problemi comuni all’intera Unione e definizione di modalità di soluzione, alla successiva diffusione ed inserimento di tali decisioni e suggerimenti nell’impianto istituzionale e di politica pubblica dei singoli Paesi.
Il presente lavoro si focalizza sul settore dei trasporti ferroviari, chiedendosi “Quale è stato l’impatto dell’europeizzazione sulla riorganizzazione delle ferrovie italiane?” ovvero se le trasformazioni che hanno interessato le ferrovie di stato possano trovare una spiegazione nel processo di europeizzazione. In questo senso è possibile prendere ad oggetto di studio le numerose fonti normative europee relative ed osservare poi i cambiamenti, di natura societaria ed organizzativa, di ciò che era Ente pubblico e che adesso si presenta come Gruppo Ferrovie dello Stato.
In generale il settore dei trasporti è un ambito di policy strategico sia rispetto al Mercato Unico, per il fondamentale supporto e rafforzamento che fornisce, sia per la percentuale di PIL europeo rappresentata (7%); al tempo stesso è problematico per l’inquinamento prodotto (a fine anni novanta rappresentava il 28% di tutte le emissioni di CO2, delle quali 84% dal trasporto stradale). Per questo le istituzioni europee da anni cercano di regolarlo ed indirizzarlo verso un maggior equilibrio intermodale, favorendo in particolare le ferrovie ed il trasporto marittimo perché meno inquinanti.
Nello specifico per le ferrovie la pietra miliare del cambiamento è la Direttiva 440/91 che ha imposto la separazione contabile tra gestione dell’infrastruttura e servizio di trasporto. Ad essa sono seguite ulteriori misure pro liberalizzazione e concorrenza tra imprese ferroviarie di trasporto, influenzando così un processo di cambiamento iniziato in Italia già alla fine degli anni ottanta e che prima della Direttiva 440 aveva visto trasformare gli Enti Pubblici economici in S.p.A.
L’UE ha obbligato ad alcuni cambiamenti e ne ha suggeriti altri. L’Italia ha inizialmente scelto il cambiamento minimo per le proprie ferrovie, la sola separazione contabile tra gestione infrastruttura e servizio di trasporto; poi, alla fine degli anni novanta, per fronteggiare il nuovo contesto di liberalizzazione FS ha optato per la divisionalizzazione ed infine per la societarizzazione, presentandosi oggi come una Holding con società dedicate a business diversi.
Attraverso la disamina dei documenti europei e la ricostruzione dei macro cambiamenti societari ed organizzativi di FS si è visto come siano stati prescritti pochi specifici requisiti (a differenza di settori quale ad esempio quello delle politiche ambientali) e si sia puntato invece sull’influenzare le convinzioni e le aspettative degli attori per influire sulle loro strategie e preferenze, in tal senso possiamo affermare che il processo di europeizzazione ha influito sul cambiamento delle ferrovie contribuendo ad accelerarne il corso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione I trasporti assicurano lo svolgimento della funzione di connessione delle parti di un sistema sociale, permettendo così scambi di materiali, energia, informazioni, tra persone e organizzazioni. Il trasporto è quindi l’elemento che permette di funzionare all’intero sistema, a qualsiasi sistema 1 . Compie cinquanta anni il Trattato che diede l’avvio al processo di costruzione europea. Un lungo arco di tempo caratterizzato da numerosi cambiamenti, progressi, sfide affrontate assieme da un numero sempre maggiore di Paesi. Sulla base di valori quali la libertà, la democrazia, lo Stato di diritto, il rispetto dei diritti umani e l’uguaglianza, l’Unione Europea ha realizzato «il mercato unico, la più grande area di libero scambio al mondo, una moneta unica condivisa dalla maggior parte dei cittadini dell’UE e norme comuni in materia di protezione ambientale e sicurezza dei prodotti. Il mercato unico ha consentito di creare posti di lavoro e di promuovere la crescita, oltre a mettere a 1 Demarchi et al., 1994, pg.2252

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

direttive europee
europa
europeizzazione
ferrovie
fs
gruppo ferrovie dello stato
neoistituzionalismo
organizzazione
politiche europee
rfi
storia
storia ferrovie
trenitalia
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi