Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Filtraggio lineare di segnali ciclostazionari

I segnali con funzioni statistiche tempo variante sono alla base dell’analisi dei sistemi di comunicazione. Di particolare interesse sono le variazioni temporali di tipo periodico. Nelle telecomunicazioni, nella telemetria e nelle applicazioni radar la periodicità è dovuta ad operazioni di codifica, modulazione, campionamento e multiplexing. Invece nella radioastronomia la periodicità dipende dalla rotazione e rivoluzione dei pianeti e dalla pulsazione delle stelle. Infine nelle scienze atmosferiche essa dipende dalla rivoluzione e rotazione della Terra e nell’econometria dalla stagionalità.
In questo scenario si introducono i processi stocastici ciclostazionari i quali hanno caratteristiche statistiche che variano periodicamente nel tempo.
I processi stocastici ciclostazionari in senso lato presentano la funzione di autocorrelazione che varia periodicamente nel tempo. Le proprietà generali di questi processi derivano dall’aver considerato l’espansione in serie di Fourier, sotto opportune condizioni, della funzione di autocorrelazione. I coefficienti della serie sono detti funzioni di autocorrelazione ciclica e sono delle funzioni continue del parametro di ritardo, mentre le frequenze, dette frequenze cicliche, sono multiple del reciproco del periodo di ciclostazionarietà.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 INTRODUZIONE I segnali con funzioni statistiche tempo variante sono alla base dell’analisi dei sistemi di comunicazione. Di particolare interesse sono le variazioni temporali di tipo periodico. Nelle telecomunicazioni, nella telemetria 1 e nelle applicazioni radar la periodicità è dovuta ad operazioni di codifica, modulazione, campionamento e multiplexing. Invece nella radioastronomia 2 la periodicità dipende dalla rotazione e rivoluzione dei pianeti e dalla 1 Telemetria: teoria e pratica dell’impiego del telèmetro, strumento che permette una misurazione indiretta delle distanze. 2 Radioastronomia: branca dell’astronomia che studia le radioonde di natura cosmica, ricevendole con i radiotelescopi. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marianna Ciavattone Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 664 click dal 06/03/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.