Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione – Colloquio terapeutico (Gli estremi di un percorso narrativo)

Piccola opera di ricongiunzione fra il processo comunicativo e il colloquio terapeutico. Da un lato, ci sono i modelli di comprensione di come il pensiero viene espresso, comunicato appunto, con il ricorso a principi e ipotesi, a teorie più o meno meccanicistiche, comunque riferibili al campo della scienza, della matematica e della logica. Dall’altro lato troviamo la pratica clinico-psicoterapeutica per eccellenza, il colloquio, dove regnano le vicissitudini e le intenzioni della quotidianità e degli aspetti più intimi della coscienza umana. Pensare che queste due polarità epistemologiche siano slegate sdegnerebbe il colloquio clinico quale pratica ascrivibile a un protocollo scientifico di cura e contemporaneamente non renderebbe giustizia a tutti gli studiosi che hanno integrato i modelli matematici con l’imprevedibilità della natura umana.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il testo del prologo fa riferimento alle parole di un romanziere, uno scrittore; sì, perché scrivere è una forma di comunicazione e il romanzo può essere luogo d’identificazione e momento di confronto fra realtà e immaginazione, il romanzo è più vicino all’uomo di quanto non lo siano la poesia, la musica e il teatro, proprio perché riproduce l’esistenza nell’insieme e nella varietà dei fatti. Il dolore, l’amore, la vita e la morte sono gli argomenti che caratterizzano i romanzi 2 e che possono trovare un modello d’identificazione nel lettore. Nell’analisi del “raccontare”, infatti, ho trovato un senso (che il prologo stesso lascia intendere) a quello che leggerete in questa piccola opera di ricongiunzione fra il processo comunicativo e il colloquio terapeutico. Da un lato, ci sono i modelli di comprensione di come il pensiero viene espresso, comunicato appunto, con il ricorso a principi e ipotesi, a teorie più o meno meccanicistiche, comunque riferibili al campo della scienza, della matematica e della logica. Dall’altro lato troviamo la pratica clinico-psicoterapeutica per eccellenza, il colloquio, dove regnano le vicissitudini e le intenzioni della quotidianità e degli aspetti più intimi della coscienza umana. Pensare che queste due polarità epistemologiche siano slegate sdegnerebbe il colloquio clinico quale pratica ascrivibile a un protocollo scientifico di cura e contemporaneamente non renderebbe giustizia a tutti gli studiosi che hanno integrato i modelli matematici con l’imprevedibilità della natura umana. Illuminante in questo senso è stato per me Bruner nel libro “La mente a più dimensioni” (1986) dove l’autore individua due modi di pensare, inerenti alle capacità umane: il pensiero logico-scientifico e quello narrativo. Il primo si fonda su principi e ipotesi ed è utilizzato per studiare la verificabilità di fatti o cause, appartiene in particolare al campo scientifico. Il secondo è legato alla capacità di raccontare dell’uomo ed ha le caratteristiche di definire l’esperienza attraverso dei parametri spazio-temporali. Questa capacità è facilmente assimilabile al colloquio clinico (richiama molto il concetto di setting), ma più che altro ne è antesignana e vedremo dopo perché. Anche Bruner, comunque, considera inscindibili questi due apparenti opposti, che, seppure indipendenti l’uno dall’altro, rappresentano due metodi di costruzione della realtà. Intrinseci nell’agire umano, i due modelli si frappongono secondo la casualità delle situazioni, ma il pensiero narrativo è più vicino alla realtà di quanto lo sia il logico- scientifico, perché propone il verosimile. Un individuo, per esempio, potrebbe raccontare oralmente episodi della sua giornata legati alla propria professione lavorativa o alla famiglia, oppure momenti della sua infanzia, o anche propositi per l’avvenire. Il racconto, così, investe di senso l’esperienza dell’uomo nel mondo e crea un nesso temporale fra presente-passato e presente-futuro: il ricordo ha dei confini ben delineati, il futuro è un progetto da realizzare. Vorrei dunque proporre la narrativa, quindi la narrazione, come chiave di volta per rendere “comunicanti” le stanze della scienza e della pratica clinica. Perché se è vero che il 2 Non a caso il prologo è di uno scrittore, Stephen King, celebre soprattutto per le opere “horror”, che però ha sempre rivelato, anche nei suoi romanzi più terrificanti, la spinta alla vita e alla comprensione dell’agire umano.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Marco Vitiello Contatta »

Composta da 28 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3014 click dal 06/03/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.