Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

De Simplicio. Ovvero sull'arrendevolezza dell'intelligenza umana

La tesi punta all'osservazione del fenomeno dell'influenza derivata dalla copertura giornalistica dei quotidiani sulle intenzioni di voto degli elettori (in particolar specie al periodo dell'ultima settimana della campagna elettorale 2006), seguendo il profilo critico del funzional-strutturalismo luhmanniano.

Mostra/Nascondi contenuto.
“Prologo”. L’ideogramma gen significa “illusione” o “apparizione”. Un mago indiano che fa giochi di prestigio è definito “genjutsushi” ossia una maestro dell’illusionismo. Nel mondo tutto è uno spettacolo di burattini. Perciò usiamo l’ideogramma “gen” per indicare l’illusione del libero arbitrio. Tsunemoto Yamamoto 1 egli ultimi decenni in foggia più o meno accentuata, si è percepito che qualcosa di significativo stava accadendo alla politica del “Bel paese”, così come è intesa nella maniera tradizionale. I rapporti tra i partiti e le ideologie che li hanno generati sta mutando. I rapporti tra i partiti politici stanno mutando. I rapporti tra i partiti e il proprio bacino di utenza sta mutando. Mutatis mutandis, tali rapporti hanno preso una deriva verso una maggiore instabilità elettorale, forse a causa dell’arretratezza dei partiti italiani, troppo rigidi e vincolati alle loro ideologie. Il mercato dei voti non è più un ambiente semplice in cui molte delle passate posizioni sono già date per scontate, e questo è tanto evidente quanto banale. Aumento della volatilità elettorale, minore partecipazione alla vita politica, crollo dell’identificazione partitico-ideologica, comparsa di nuovi soggetti politici portatori di valori legati ai tempi che corono, sono tutti indici di tali mutamenti. L’evoluzione della società spinge sempre più nella stessa direzione: maggiore benessere, migliore qualità di vita, più televisori e meno pazienza. La crisi delle funzioni di mediazione partitiche 2 si rafforza con la mediatizzazione, senza criterio, della politica. Queste novità non possono prescindere dalla rivoluzione tecnologica. L’avvento di nuovi strumenti mediali, di cui la televisione è forse la principale 1 Tsunemoto Y. 2001, “Hagakure”, Mondadori, Milano 2 Qui, mi riferisco a quelle funzioni che i partiti svolgono come trait d’union tra società-elettore, elettore-istituzioni. Società intesa come problemi/esigenze della società civile. 1 de Simplicio AA 2006/2007 Fabbozzi Pasquale SCO

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Pasquale Fabbozzi Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 692 click dal 08/03/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.