Skip to content

Edifici bio-climatici ad Hammarby Sjostad, il nuovo distretto cittadino eco-compatibile di Stoccolma

Informazioni tesi

  Autore: Diego Maltesi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Ado Franchini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 27

Il progetto Hammarby Sjöstad rientra in quella nuova strategia nello sviluppo urbano che caratterizza ormai tutte le maggiori città europee e che pone in primo piano il riuso e la riqualificazione delle aree industriali in dismissione, sorte nel corso del secolo scorso nelle periferie più esterne e che sono poi state inglobate nel tessuto urbano durante le varie fasi di espansione delle città.
A Stoccolma questa nuova fase nella progettazione urbanistica ha preso il via agli inizi degli anni '80 con il progetto del distretto di Södra Station a Södermalm, un'area molto centrale della città, nel quale sono stati coinvolti progettisti di fama internazionale, come l'architetto spagnolo Ricardo Bofil, autore dell'edificio più rappresentativo del nuovo quartiere.
Rispetto a questo progetto Hammarby Sjöstad rappresenta un ambizioso passo avanti.
L'obiettivo che l'amministrazione pubblica si è prefissato, infatti, è quello di creare un quartiere che sia all'avanguardia internazionale, nel campo ecologico.
Hammarby Sjöstad oltre che migliorare l'immagine di città rispettosa verso l'ambiente, di cui Stoccolma gode, sta dando un notevole impulso allo sviluppo delle biotecnologie, settore nel quale già oggi la Svezia detiene il ruolo di leader internazionale.
L'intera opera, iniziata nel 1994 ed il cui termine è previsto per il 2015, è suddivisa in quattro fasi.
La prima è già in notevole stato di avanzamento nell'edificazione ed interessa la parte nord-ovest (più esattamente il margine est di Södermalm) chiamata Norra Harmmarbyhamnen.
Il progetto qui esposto è stato elaborato come tesi di laurea ed ha avuto la supervisione del Prof. Arch. Ado Franchini del Politecnico di Milano per l'elaborazione dell'impianto urbano, del Prof. Arch. Kai Wartiainen del K.T.H. di Stoccolma per lo studio tipologico, e dell'Ing. Diego Cucurachi per la verifica teorica dei sistemi bioclimatici.
Il lavoro prende in considerazione la parte est dell'area, chiamata Lunget, che sarà interessata dalla terza fase; in questa zona sono al momento in corso i lavori di bonifica dei terreni ed esistono progetti di massima per gli edifici.
L'IMPIANTO URBANO.
Il sito del progetto è la parte morfologicamente più caratterizzata dell'intera Hammarby Sjöstad: si tratta di una sorta di penisoletta delimitata a nord ed ad ovest dal lago Hammarby, a sud dal Sickla Kanal e, ad ovest dal nuovo raccordo autostradale, in avanzata realizzazione.
E' inoltre previsto un boulevard che, secondo il piano urbanistico, la dividerà in due parti.
Ad est, oltre il raccordo anulare si estende un parco naturale di notevoli dimensioni.
Il progetto qui esposto mantiene quasi interamente l'impianto viabilistico elaborato dall'ufficio urbanistico della città, come pure rispetta quasi integralmente la suddivisione in lotti studiata dallo stesso.
Dove maggiormente si differenzia è nel trattamento questi ultimi: a dei tipici blocchi con corte interna, vengono preferite soluzioni diverse per consentire una maggiore varietà nell'impianto urbano e, soprattutto, più "trasparenza" alla luce solare.
La luce del Sole viene infatti considerata l'elemento strategico dell'intero progetto.
Le due parti in cui il boulevard divide il sito, pur conservando nel complesso un carattere comune, vengono nel progetto trattate in modo differenziato.
Alla parte ovest, rivolta verso la città ed affacciata sul lago Hammarby, viene dato un carattere urbano, prevedendo due grandi corpi ad "L" che terminano con due edifici, uno a torre ed un altro che si protende sul lago.
Tra i corpi ad "L" è previsto un percorso verde pedonale, che funge da elemento di connessione, sia fisico sia visivo tra il lago ed il parco sulla collina posta al di là del boulevard.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 EDIFICI BIO-CLIMATICI AD HAMMARBY SJÖSTAD IL NUOVO DISTRETTO CITTADINO ECO-COMPATIBILE DI STOCCOLMA Relazione tecnico descrittiva Premessa. II progetto Hammarby Sjostad rientra in quella nuova strategia nello sviluppo ur- bano che caratterizza ormai tutte le maggiori città europee e che pone in primo piano il riuso e la riqualificazione delle aree industriali in dismissione, sorte nel corso del secolo scorso nelle periferie più esterne e che sono poi state inglobate nel tessuto urbano durante le varie fasi di espansione delle città. A Stoccolma questa nuova fase nella progettazione urbanistica ha preso il via agli inizi degli anni '80 con il progetto del distretto di Sodra Station a Sodermalm, un' area molto centrale della città, nel quale sono stati coinvolti progettisti di fama internazionale come l'architetto spagnolo Ricardo Bofill, autore dell' edificio più rappresentativo del nuovo quartiere. Rispetto a questo progetto Hammarby Sjostad rappresenta un ambizioso passo in avanti. L' obiettivo che l'amministrazione pubblica si è prefissato, infatti, è quello di creare un quartiere che sia alla avanguardia internazionale nel campo ecologico. Hammarby Sjostad oltre che migliorare l'immagine di città rispettosa verso l'am- biente, di cui Stoccolma gode, sta dando un notevole impulso allo sviluppo delle biotecnologie, settore nel quale già oggi la Svezia detiene un ruolo di leader internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bioarchitettura
bioclimatica
bioedilizia
ecologia
hammarby sjostad
sistemi solari passivi
solar housing
stoccolma

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi