Skip to content

Olimpiadi Invernali in Veneto: implicazioni economiche tra incertezza e realtà

Informazioni tesi

  Autore: Luca Curto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Fabio Lando
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

Inaugurate nel 1924 a Chamonix, le Olimpiadi Invernali sono oggi, alle soglie del terzo Millennio, uno degli eventi più importanti a livello mondiale, in grado di attirare l’attenzione di un pubblico immenso e di produrre ricadute, sulla Regione/Paese che le ospita, davvero straordinarie. Emblematici i casi considerati di Calgary ’88 e Lillehammer ’94.
Chamonix, Cortina, St. Moritz, le località invernali più esclusive al mondo hanno tutte ospitato almeno un’edizione olimpica, quasi a volerne decretare tal sorta di sacralità.
Il Veneto, dal par suo, manca all’appuntamento dal lontano ’56 (Cortina), quando ancora i cronometraggi erano manuali e la diretta televisiva un’alchimia.
Il tema centrale di questo mio lavoro riguarda in particolare il caso specifico “Olimpiadi Invernali e contesto veneto”.
Ad una breve presentazione del sistema territoriale regionale – in cui se ne evidenziano le peculiarità policentriche – e delle dinamiche economiche principali, segue lo studio delle capacità ricettive, infrastrutturali e viarie locali.
Essendo un progetto a lungo termine, s’è reso necessario formulare delle ipotesi ma non per questo il lavoro vuole essere uno studio puramente teorico e svincolato dalla realtà: vuol essere, al contrario, uno strumento per valutare le reali possibilità e potenzialità del Veneto ad ospitare un macro-evento sportivo di questo tipo, tenendo conto degli impatti sociali, economici ed ambientali che ne derivano.
Ciò che si evince è che l’evento olimpico, in grado di attivare molteplici settori economici regionali (dal turismo montano all’industria dell’abbigliamento sportivo, dall’occupazione al miglioramento del sistema infrastrutturale e viario), rappresenti un’occasione unica ed imperdibile di sviluppo per il Veneto e la sua gente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
in da quando il Veneto avanzò l’intenzione di presentare la propria candidatura ai Giochi Olimpici Invernali del 2006 (era il 1996) ho sempre seguito l’argomento con particolare interesse: un interesse che mi ha spinto sin qui, alla stesura di una tesi di laurea che si pone certamente al di fuori di schemi didattici tradizionali (almeno per uno studente di Economia!). Da allora molte cose sono cambiate; sviluppi della vicenda, per certi versi imprevedibili, hanno condotto ad una realtà completamente diversa da quella iniziale e difficilmente ipotizzabile appena un anno fa. La candidatura dell’ultima ora di Torino ha prevalso nella decisione finale del CONI; in un istante le speranze venete si sono frantumate e con esse il sogno di rivivere le Olimpiadi a Cortina per la seconda volta in questo secolo (dopo quelle del ’56). Tali sviluppi mi hanno certo indotto, ultimamente, a ripensare sull’opportunità o meno a continuare il lavoro iniziato; proprio da quest’analisi mi sono convinto più che mai che trattare oggi questo argomento sia, oltre che interessante, anche utile per affrontare in modo serio e coerente le scelte future in tal senso. Questo mio lavoro, dunque, non vuole essere uno studio puramente teorico e svincolato dalla realtà: vuol essere, al contrario, uno strumento per valutare le reali possibilità venete per una futura ricandidatura ai Giochi Olimpici Invernali. La partita persa del 2006 non va intesa come un traguardo mancato quanto, invece, come una tappa intermedia di un processo lungo e complesso. Solo in quattro occasioni (su diciannove edizioni) alla prima candidatura olimpica è corrisposta l’assegnazione dei Giochi: Squaw Valley nel 1960, Grenoble nel 1968, Sarajevo nel 1984 e Nagano nel 1998. In tutti gli altri casi molteplici sono le candidature susseguitesi nel tempo: emblematici il caso di Lake Placid (sei candida- ture di cui due andate a buon fine), di Lahti e Östersund (tre candidature e nessuna edizione aggiudicata). Si tratta, dunque di un processo lungo e complesso che necessita di un costante monitoraggio da parte degli organi istituzionali preposti, soprattutto dopo la perdita F

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eventi sportivi
eventi sportivi internazionali
geografia economica
giochi olimpici
marketing territoriale
olimpiadi
olimpiadi invernali
organizzazione delle olimpiadi
sport
turismo sportivo
winter olimpic games

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi