Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

1907: la crisi modernista nel ''Corriere della Sera''

Abstract
Oggetto del presente elaborato è il Modernismo, corrente europea di rinnovamento religioso e di pensiero, dei primi anni del ‘900. Il metodo d’osservazione usato è lo scrutinio, sul giornale “ Il Corriere della Sera ” nell’intera pubblicazione del 1907; la catalogazione per titolo, sottotitolo e data di pubblicazione degli articoli inerenti, l’archiviazione digitale di un gruppo di questi e la trasposizione integrale di alcuni, secondo un criterio definito, nel corpo della trattazione. Scopo e motivazione della ricerca sono la risposta ad una ricorrenza, cento anni, da una faccenda importante e poco ricordata e l’osservazione dei suoi coefficienti di penetrazione, attraverso cronaca e dibattito quotidiano, dentro la società civile del tempo, utile ad eventuali equipollenze odierne.

Object of the present elaboration is the Modernismo, European current of religious innovation and conception of the first years of ‘900. The observation method used is the scrutiny on the newspaper “ Il Corriere della Sera ”, in the entire publication of 1907; the classification for heading, subtitles, date of publications of inherent articles, the digital recording of a group and the integral transposition of some, according to a definite criterion, on the whole elaboration. Scope and motivation of the research are the answer to a recurrence after hundred years since one important and forgotten matter happened and the observation of its coefficient of diffusion, through daily reports and debate, in the civil society at that time, valid to today’s equivalent considerations.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Ecclesia semper reformanda. INTRODUZIONE Il Modernismo è, precisamente, un movimento di rinnovamento teologico e confessionale interno al cristianesimo, avviatosi negli anni finali dell’Ottocento. Ad esso ci si riferisce in questa sede, sebbene, è meglio affermarlo subito, esistono altre accezioni usate per questo termine: conosciamo un modernismo letterario (antiromantica ricerca formale, ‘ l’arte per l’arte’ ricca di metrica, aggettivi, cromatismi - R. Dario), dell’arte (ramificazione dell’Art Nouveau - A. Gaudì) e del costume. Del resto la stessa forma semantica della parola oggetto del nostro interesse, con la radice accomunata, ad esempio, a modernità ed ammodernamento, chiaramente, si presta a vari fraintendimenti adattamenti e travasi. Per dare, iniziando da uno sguardo sui luoghi, una collocazione geografica alla spinta religiosa novatrice si può tranquillamente dire che si tratta di un fenomeno in pratica europeo; vi fu in realtà un “americanismo ” il quale per molti aspetti è traducibile in uno slancio modernista d’oltre oceano: si trattò di un’avventura che ebbe vita breve ed addirittura rappresentò una ante litteram perché precedette il movimento del vecchio continente. L’“americanismo ” fu condannato da Leone XIII, predecessore di Pio X, con la lettera Testem benevolentiae scritta all’arcivescovo della diocesi di Baltimora, cardinale Giddens, il 22 Gennaio 1899. La missiva papale fu inviata evidentemente perché negli anni precedenti alla lettera di condanna, negli Stati Uniti, tra i cattolici si era sviluppata e diffusa una tendenza innovatrice; aveva avuto anche un pioniere nella persona di padre Isacco Hecker. L’istanza era in fondo quella stessa che ritroveremo in Europa: dare un aggiornamento, una accordatura, al cattolicesimo nel mondo contemporaneo. Si chiedeva di ammodernare ed ammorbidire non solamente la disciplina, obsoleta e dura, ma finanche il dogma.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Claudio Catalano Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1276 click dal 09/07/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.