Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'apprendimento dei concetti topologici nella scuola dell'infanzia

Questo progetto documenta un’esperienza di ricerca didattica che analizza la relazione spazio-ambientale dei bambini d’età compresa fra i tre e i cinque anni, con l’intento di considerare quali esperienze concorrano allo sviluppo delle competenze spaziali.
La tematica è stata analizzata in modo articolato e problematico per focalizzare la dimensione della acquisizione dei concetti topologici e valutare quali abilità ne favoriscano l’apprendimento, rappresentandone il codice cognitivo specifico.
Interrogarsi sui concetti essenziali di sopra/sotto, destra/sinistra etc., con l’intento di comprendere le relazioni che intercorrono tra l’uomo e l’ambiente da egli vissuto, equivale a conoscere come si sviluppi il senso dello spazio e, quindi, come promuovere l’insegnamento delle strutture concettuali di questo sapere.
La riflessione si è successivamente tradotta in ricerca applicata, perché è stata calata nell’esperienza quotidiana della scuola, attraverso itinerari didattici che hanno consentito di verificare la validità dell’ipotesi scientifica, fornendo anche ulteriori elementi di discussione per un circuito positivo tra teoria e prassi.
E’ stata così avviata una ricerca-azione per valutare il ruolo delle metodologie didattiche nel potenziamento complessivo delle competenze spaziali.
Insieme alle insegnanti sono stati osservati sia i prerequisiti, sia i risultati delle attività svolte. La documentazione ha permesso di puntualizzare gli aspetti fondanti dell’intelligenza spaziale e lo stretto raccordo tra orientamento e rappresentazione, ma soprattutto di valorizzare il ruolo strategico delle scelte didattiche che, favorendo l’ampliamento della mappa mentale dei bambini, creano le basi per il codice coerente all’apprendimento dell’orientamento spaziale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo progetto documenta un’esperienza di ricerca didattica che analizza la relazione spazio-ambientale dei bambini d’età compresa fra i tre e i cinque anni, con l’intento di considerare quali esperienze concorrano allo sviluppo delle competenze spaziali. La tematica è stata analizzata in modo articolato e problematico per focalizzare la dimensione della acquisizione dei concetti topologici e valutare quali abilità ne favoriscano l’apprendimento, rappresentandone il codice cognitivo specifico. Interrogarsi sui concetti essenziali di sopra/sotto, destra/sinistra etc., con l’intento di comprendere le relazioni che intercorrono tra l’uomo e l’ambiente da egli vissuto, equivale a conoscere come si sviluppi il senso dello spazio e, quindi, come promuovere l’insegnamento delle strutture concettuali di questo sapere. La riflessione si è successivamente tradotta in ricerca applicata, perché è stata calata nell’esperienza quotidiana della scuola, attraverso itinerari didattici che hanno consentito di verificare la validità dell’ipotesi scientifica, fornendo anche ulteriori elementi di discussione per un circuito positivo tra teoria e prassi. E’ stata così avviata una ricerca-azione per valutare il ruolo delle metodologie didattiche nel potenziamento complessivo delle competenze spaziali. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lorena Ferranti Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 38856 click dal 13/03/2007.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.