Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di standardizzazione del croato

La standardizzazione del croato è un tema molto attuale e vivo in Croazia e la confusione a riguardo è ben evidente anche dalla confusione che spesso si ha nel chiamare questa lingua: croato, serbo-croato, croato-serbo, ecc. Nel corso dei secoli (sin dalla nascita del glagolitico) le vicende storiche, politiche e culturali hanno influenzato il corso di questa lingua che si è andata periodicamente avvicinando e distanziando dalla sua "quasi" gemella, ossia il serbo. Con questo studio si è cercato di dimostrare che l'aspetto culturale e politico di una nazione ha grande potere nel percorso linguistico e che dopo la guerra degli anni novanta nell'ex-Jugoslavia, gli stati indipendenti hanno voluto a tutti i costi creare una identità nazionale a partire dalla lingua, modificandola con neologismi, antiche parole, ritornate alla ribalta, con politiche puristiche anti-turciste.
Sono presenti come appendici i testi (originali e tradotti in italiano) dei tre accordi linguistici della storia del serbo-croato: "Accordo di Vienna", "Accordo di Novisad" e "Le dieci tesi sulla lingua croata".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE Il mio interesse per il processo di standardizzazione del croato è cresciuto durante i mesi di soggiorno e di studio che ho trascorso presso l’Università di Zagabria. Spesso mi sono trovata a discutere con persone del posto sull’ esistenza o meno di una lingua “serbocroata” e sulle varie differenze che ci sono tra il serbo e il croato, cercando di capire cosa spingesse quelle persone ad affermare con tanta sicurezza che il serbo e il croato sono due lingue diverse. Infatti, i miei interlocutori croati erano quasi sempre in disaccordo con me quando gli spiegavo che da un punto di vista linguistico non ci sono differenze così consistenti per poter dire che si tratti di lingue diverse. Le loro motivazioni, evidentemente erano del tutto extra-linguistiche e legate a fattori nazionalistici e politici, ossia al fatto che ogni nazione deve avere una propria lingua, per cui, visto che la Croazia è una nazione esattamente come lo sono l’Italia, la Francia o la Germania, anch’essa deve avere una sua specifica lingua separata e distinta da qualsiasi altra. Quasi sempre, infatti, finivo col cedere perché a volte si creavano situazioni delicate in cui una persona straniera, in quel caso io, un’italiana, non poteva pretendere di intromettersi e capire realmente ciò che è radicato nella tradizione, nella cultura e nella storia di quel popolo. Per questo ho deciso di approfondire l’argomento, ripercorrendo la storia della lingua croata, inserendola ovviamente in un contesto storico, politico e

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Stefania Trombetta Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1199 click dal 15/03/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.