Skip to content

Montaggio e narrazione in Memento di Christopher Nolan e 21 Grammi di Alejando Gonzàlez Inarritu

Informazioni tesi

  Autore: Marica Ciaprini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Arti e Scienze dello Spettacolo
  Relatore: Antonella Ottai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il momento storico della nascita del cinematografo è convenzionalmente fissato al 28 dicembre 1895, data in cui i fratelli Lumière realizzarono a Parigi la prima proiezione pubblica di immagini in movimento della durata di 50 secondi L’uscita delle fabbriche Lumière.
L’invenzione del cinema rappresentò il culmine delle tantissime esperienze e ricerche che si avvicinarono sempre di più all’eccezionale risultato finale celebrato in una sala del Grand Café del Boulevard des Capucines di Parigi del 1895.
A un secolo di distanza dalla sua nascita, quando il cinema era nato e se ne stavano verificando le potenzialità artistiche e comunicative, ci troviamo oggi nella stessa condizione di incertezza e di sperimentazione riguardo il futuro di questa grande industria dell’immaginario.
Una nuova tecnologia, quella digitale, è recentementa emersa, venendo a sconvolgere tutte le certezze maturate in cento anni di sviluppo della cinematografia analogica.
La pratica del montaggio ha subito, con l’introduzione della tecnologia digitale, un vero e proprio rivoluzionamento. Si è passati dalla tradizionale moviola, nata intorno al 1920 per opera di Iwan Serrurier e basata sui principi puramente meccanici di taglio e congiunzione delle porzioni di pellicola, alla postazione digitale, che opera invece sulla base dell’eleborazione dei dati.
L’elemento fondamentale di diversificazione tra i due sistemi sta nel fatto che nel montaggio meccanico si agisce concretamente sulla pellicola con tagli e giunture, mentre nel montaggio digitale si lavora soltanto sulle informazioni relative all’elaborazione del film, senza manopolare in alcun modo il supporto materiale dell’opera.
Quindi si opera in un ambiente di lavoro virtuale.
Le agevolazione dei sistemi digitali sono diversi, tra cui la possibilità di poter accedere a un punto qualsiasi del materiale su cui si sta lavorando con un semplice tocco di mouse e altrettanto facilmente è possibile intervenire su di esso in varie maniere.
Comunque il montaggio che sia digitale o analogico non può fermarsi alla semplice definizione di “assemblaggio di inquadrature”. Un montatore esperto sa come collaborare in modo proficuo col regista e sceneggiatore comprendendo che per gran parte delle sue decisioni deve basarsi sulla particolare natura a forma del film.
Parte del suo lavoro consiste nel saper trattare in modo unico ciascun progetto, cercando di conferirgli una forma tale da comunicare al meglio il materiale sottostante.
A volte una storia viene addirittura riscritta in fase di montaggio, poiché alcune scene potrebbero essere presenti nel materiale ma latenti nella sceneggiatura. Un montatore di talento è in grado di portare i temi nascosti alla luce grazie alle tecniche di montaggio.
Esso ha sempre agito nel tempo in modo tale che il pubblico pian piano si abituasse a vedere le immagini e a comprenderne i vari linguaggi più o meno istintivi.
Negli ultimi anni c’è stato, invece, chi ha sovvertito queste regole e ha reso la propria opera unica nel suo genere.
Alcuni registi hanno sperimentato nuovi metodi narrativi, favoriti anche dalla facilità di gestione del materiale girato grazie ai nuovi software in circolazione al giorno d’oggi.
C’è stato chi ha articolato la propria storia su livelli diversi, costruendo l’opera con una struttura ad anello, come Pulp Fiction di Quentin Tarantino. La trama non si sviluppa in modo cronologico ma segue una sua logica particolare.
Ecco l’ulteriore trasformazione, la manipolazione del tempo.
I registi giocano col tempo rendendo la loro storia quasi come una forma onirica, come succede in Mulholland Drive di David Lynch.
Film con una maglia intricatissima, un percorso tortuoso in cui si è incapaci di trovarne l'inizio e la fine, in un passaggio continuo di universi reali ed immaginari.
Anche Christopher Nolan con Memento e Alejandro González Iñárritu con
21 Grammi, entrambi i registi al loro secondo lungometraggio, non resistono dal rivalutare la centralità del montaggio mischiando le carte in tavola, in cui dolore, incubi, fallimento di ogni emozione o relazione umana ed infine depressione si intrecciano a più riprese giocando con una realtà alterata dei fatti e soprattutto con la mente dello spettatore intento a cogliere ogni eventuale cambiamento di tempo e di luogo.
Si delega, dunque, il pubblico di far chiarezza tra le masse di informazioni fornite riuscendo a ricostruire la cronologia e i vari elementi del puzzle.
Memento e 21 Grammi sono film che riescono ad incollare allo schermo, catturando con macchinosi giochi di montaggio anche l’attenzione dello spettatore più reticente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il momento storico della nascita del cinematografo è convenzionalmente fissato al 28 dicembre 1895, data in cui i fratelli Lumière realizzarono a Parigi la prima proiezione pubblica di immagini in movimento della durata di 50 secondi L’uscita delle fabbriche Lumière. L’invenzione del cinema rappresentò il culmine delle tantissime esperienze e ricerche che si avvicinarono sempre di più all’eccezionale risultato finale celebrato in una sala del Grand Café del Boulevard des Capucines di Parigi del 1895. A un secolo di distanza dalla sua nascita, quando il cinema era nato e se ne stavano verificando le potenzialità artistiche e comunicative, ci troviamo oggi nella stessa condizione di incertezza e di sperimentazione riguardo il futuro di questa grande industria dell’immaginario. Una nuova tecnologia, quella digitale, è recentementa emersa, venendo a sconvolgere tutte le certezze maturate in cento anni di sviluppo della cinematografia analogica. La pratica del montaggio ha subito, con l’introduzione della tecnologia digitale, un vero e proprio rivoluzionamento. Si è passati dalla tradizionale moviola, nata intorno al 1920 per opera di Iwan Serrurier e basata sui principi puramente meccanici di taglio e congiunzione delle porzioni di pellicola, alla postazione digitale, che opera invece sulla base dell’eleborazione dei dati. L’elemento fondamentale di diversificazione tra i due sistemi sta nel fatto che nel montaggio meccanico si agisce concretamente sulla pellicola con tagli e giunture, mentre nel montaggio digitale si lavora soltanto sulle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

christopher nolan
cinema
cinema analogico
film gonzàlez inarritu
montaggio film
nascita cinema

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi