Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Devianza e criminalità su (e attraverso) Internet. Uno studio empirico esplorativo.

Mediante le reti telematiche sovranazionali, come Internet, si sono creati nell’ultimo decennio canali di comunicazione globale e, quale conseguente illecito riflesso, una più ampia e drammaticamente efficace estensione della portata delle condotte criminali.
Come accade per qualsiasi altra tecnologia di comunicazione, anche Internet veicola informazioni di ogni tipo; tuttavia, nel caso specifico del cyberspazio, esse, oltre che provenire da fonti non sempre controllabili, sono destinate ad utenti tipologicamente molto differenziati.
Non occorre avere fini di ricerca scientifica per accorgersi che il Web, l’e-mail, le chat-line, i newsgroup, i forum, le mailing list si prestano ad abusi finalizzati allo svolgimento di attività criminali di gravità oscillante, tra cui: la pornografia, la pedofilia, i virus informatici, l’uso di droghe, l’incitamento alla violenza e al razzismo, la duplicazione del software, la clonazione di carte di credito, la modifica di smart-card televisive o telefoniche, le molestie a sfondo sessuale, il cyberterrorismo, gli attacchi informatici a banche di dati, etc.
Oltre che il potenziale e reale contributo dato dalla rete delle reti alla generazione e diffusione di vecchie e nuove forme di criminalità, un’ulteriore questione criminologica riguarda lo studio delle influenze che l’esplicito utilizzo degli strumenti di Internet per fini illeciti, di divulgazione di informazioni nocive e illegali, possono determinare sui navigatori del cyberspazio. L’esposizione a siti e luoghi telematici devianti, è un comportamento che implica dei rischi per tutti gli utenti, in particolare per coloro che per vari motivi, legati all’età, all’uso abituale della rete, o ad uno scarso senso critico, si avventurano in frequentazioni telematiche non solo virtualmente pericolose.
L’indagine presentata nel capitolo successivo, cercherà di valutare quantitativamente i contatti tra una certa tipologia di utenti e alcuni siti illegali. In questo capitolo, ci proponiamo di affrontare il tema dei crimini elettronici, dandone oltre che una definizione, anche una classificazione tipologica, tale da consentire l’interpretazione di tali reati in riferimento alle più conosciute teorie criminologiche, passate in rassegna schematicamente nel primo paragrafo. Una certa attenzione sarà riservata, alla fine del capitolo, alle iniziative in merito alla criminalità informatica promosse nell’ambito dell’Unione Europea, con particolare riferimento al contributo legislativo dato dall’Italia alla soluzione del problema.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L’innovazione tecnologica, che vediamo imporsi senza tregua nell’ambiente sociale, sta determinando significativi ed irreversibili mutamenti soprattutto in seguito all’introduzione e alla diffusione di Internet. Riconoscendo la relazione scienza-tecnologia-società secondo una logica non unidirezionale, ma circolare e sistemica, cerchiamo di ricostruire, a partire dalla società, la relazione che si stabilisce tra la tecnologia e il suo uso. Il rapporto tra Internet e il mutamento sociale ci ha condotti ad analizzare tutti i settori invasi dal nuovo strumento di informazione, di comunicazione e di ricerca offerto dal collegamento in rete, con particolare attenzione all’illecito riflesso dell’utilizzo delle potenzialità interattive e multimediali da parte di subculture o individui devianti e criminali. Nel primo capitolo, dopo un’analisi delle origini, del funzionamento, della diffusione del fenomeno Internet, e delle aree del cambiamento socioculturale da esso imposto, un ampio spazio è dedicato a tutte le innovazioni tecniche che la Rete ha offerto nel particolare ambito delle metodologie di ricerca sociologica sia qualitativa sia quantitativa, strumenti oggi indispensabili per lo studio scientifico dei fenomeni sociali. Nel secondo capitolo, ci proponiamo di affrontare il tema dei crimini informatici, dandone oltre che una definizione, anche una classificazione tipologica, tale da consentire l’interpretazione di tali reati in riferimento alle più conosciute teorie criminologiche. Una certa attenzione sarà riservata, alla fine del capitolo, alle iniziative in merito alla criminalità informatica promosse nell’ambito dell’Unione Europea, con uno sguardo particolare al contributo legislativo dato dall’Italia alla soluzione del problema. Lo studio empirico a cui è dedicato il terzo e ultimo capitolo si propone di valutare i vantaggi e gli svantaggi dell’uso esplorativo di un questionario on- line in rapporto al tradizionale questionario cartaceo, nell'ambito di inchieste

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Patrizia D'Arrigo Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10931 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.