Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esistenza, possibilità, vita inautentica in Essere e tempo

Lo scopo del mio elaborato è quello di raccontare il mistero dell'enigma dell'essere posto di fronte all'alternativa cruciale tra autenticità e vita inautentica... ovviamente facendo riferimento alla prospettiva heideggeriana esplicitata in una delle sue più grandi opere "Essere e tempo"...
Lo studio parte dall'analisi dell'esserci inteso come inautentico... visto nel suo concreto esistere l'esserci è un essere-nel-mondo di cui si prende cura...
per il seguito contattemi...

a presto

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il mio elaborato si propone di mettere a fuoco, rileggendo il capolavolaro heideggeriano Essere e tempo, alcune caratteristiche che riguardano l’enigma dell’esistenza umana, segnato dal gioco della possibilità e dall’alternativa cruciale tra vita inautentica e vita autentica. Per far ciò, cercheremo di addentrarci all’interno di quest’opera - famosa a tal punto da imporre Heidegger non solo all’attenzione del mondo filosofico, ma anche della cultura non specializzata - per riscoprire il modo in cui il filosofo ha saputo dar peso ed originalità al vissuto esistenziale dell’uomo. Il punto di partenza della ricerca prende le mosse dallo scopo, dichiarato dallo stesso Heidegger, di dar vita a una nuova riflessione ontologica che si accinga ad esplorare il senso dell’essere. Come condurre questa esplorazione? Occorre, in primo luogo, indagare intorno a quell'ente specialissimo che si pone la stessa domanda sull’essere: l’ente che noi stessi siamo. Da qui la necessità di sviluppare un'analitica esistenziale che si prefigga di elaborare, nella loro unità, le strutture fondamentali del modo d’essere della vita umana, cioè dell’esserci (Dasein), e che, per questo, si configuri come preludio e premessa indispensabile della nuova riflessione. Di contro ad una tradizione filosofica che ha dimenticato se stessa ed è giunta a concepire l’essere come un “dato”, come una semplice-presenza, Heidegger ci invita a riflettere sulle condizioni a partire dalle quali l’essere viene cercato ed interrogato. L’analisi delle strutture esistenziali dell’esserci intende mostrare, in modo sempre più chiaro, come l’uomo, a differenza di ogni altro ente intramondano, non abbia una natura predefinita ma si costituisca come un “progetto” gettato-nel-mondo, una continua avventura della possibilità consegnata,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giovanna Bonafede Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3497 click dal 27/03/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.