Skip to content

Il Marketing Tribale in Ducati Motor Holding SpA

Informazioni tesi

  Autore: Dario Sensale
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Francesco Calza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

Perché un manager milanese, un veterinario di Caserta ed il famoso signor Rossi provano emozioni molto simili di fronte alla croce, al cavallino Ferrari o al sentir pronunciare la parola champagne? Perché alcune persone, ancor di più, si eccitano ogni volta che romba una Ducati o si incantano al passare di una Vespa? E perché, nonostante il clima di recessione, alcuni beni di marca resistono? La risposta è perché questi prodotti hanno un marchio forte. Un marchio è forte quando è capace di sorprendere e far sognare, Ducati è uno di questi.

Un marchio che nasce dalla passione, dall’onestà e dal coraggio, di chi decide di spingere con tutte le proprie forze ciò in cui crede e non ciò che pensa possa facilmente compiacere. Ducati esprime attraverso azioni concrete e fisiche, quelle che sono passioni personali, evitando proprio quelle risposte scontate, buone per ottenere solo il facile consenso. Assume la posizione di chi non teme confronti, sicura della propria forza, piace o non piace. Nuda e cruda, non esistono mezze misure, non scende a compromessi. Roba per gente tosta.

Fedele con ciò che trasmette non poteva non selezionarsi, attorno a tale marchio, un insieme di persone che vivono e condividono queste emozioni e questa mentalità. Anche all’interno dell’azienda, non esiste persona che non sia animata dalla passione ardente per tale marchio.
In un mondo dove ormai tutto è standardizzato, l’uomo avverte il bisogno di trovare le sue radici e di dimostrare la propria personalità, di non sentirsi un “numero”. Coerente con ciò che Ducati infonde, chi ne possiede una, vuol comunicare chi sia realmente. Una moto che non è solo un veicolo, ma mezzo di comunicazione attraverso cui trasmettere all’esterno la propria personalità.

Autenticità, è una delle emozioni più forti che Ducati trasmette: il ducatista ambisce approvazione per la capacità di aver saputo scegliere l’autentico, essendo riuscito a scansare la massificazione, in una società dove la medesima è elemento primario e costitutivo di una crociata al consumismo.

Esattamente al contrario, il mondo Ducati è rimasto quello di un tempo, dove le cose si fanno come andavano fatte. Artigianalità e valorizzazione del patrimonio umano, sono la vecchia e sana ricetta che nessun espediente potrà mai sostituire.

----------------------------------------------------------------------------------------

Il tema che si vuole esporre in questo lavoro, in prima istanza, è un ampia spiegazione di una particolare forma di marketing, quello tribale. A tal punto si sono adottati studi di Maffesoli, Cova e Fabris per la parte puramente teorica, mentre per la parte empirica mi sono avvalso dell'esperienza personale maturata all'interno dell'azienda e di specifiche interviste e discussioni fatte con i marketing manager.

In seconda istanza si espone l'organizzazione aziendale e la produzione. Nella fattispecie, si vuole spiegare come la produzione sia influenzata da tale strategia di marketing, quali sono i vantaggi e quali sono gli svantaggi derivanti.

----------------------------------------------------------------------------------------

La Ducati adotta il marketing tribale. Una forma di marketing che non tutte le aziende e non tutti i prodotti possono utilizzare. Bisogna avere dei requisiti determinati ed una certa “apertura mentale” da parte della dirigenza, nel trasformare l’azienda in ciò che in gergo è considerata come “azienda di vetro”, causa la sua trasparenza.

Sono esposti i concetti di autori del calibro di Maffesoli, Cova e Fabris, riguardo le connessioni fra postmodernità e consumo.
Particolare attenzione è posta sul tipo di ciclo produttivo e sulle caratteristiche nobili di un tale sistema che ne fanno partner perfetto per il marketing tribale, creando un organismo omogeneo, senza discrepanze di alcun tipo, fra tutti gli aspetti che interessano un azienda. In questo modo, si espone una “ricetta” unica e avanguardista, punto di riferimento per quei prodotti e quelle aziende che, fortunatamente, possono permettersi un tale connubio.


N.B. Una considerevole quantità di materiale usato per la costruzione di quest'opera è stato recuperato tramite interviste con dirigenti (e non) dell'azienda, durante una permanenza all'interno della stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I. Storia della Ducati 1.1. La nascita dell’azienda 1.1.1. Adriano Cavalieri Ducati Adriano Cavalieri Ducati, insieme ai fratelli Bruno e Marcello, sono i personaggi ai quali si deve la nascita dell’azienda Ducati. La famiglia era originaria di Comacchio, ma a metà ottocento sentirono il bisogno di trasferirsi a Bologna. All’epoca, la città felsinea era un ambiente dagli stimoli continui, teatro di grandi avvenimenti, era frequentata da gente di notevole caratura. In particolare nelle materie scientifiche nomi altisonanti facevano parlare di sé e delle loro scoperte, tali erano Augusto Righi e Guglielmo Marroni. Appare quindi comprensibile che un atmosfera di tale effervescenza fece da incubatrice a giovani talentuosi, entusiasti del contagio della scoperta. Uno di questi fu proprio Adriano Ducati che, abile studente di fisica, si cimentò nello studio particolare della radiofonia. All’età di 19 anni costruì dei trasmettitori di bassa potenza che trasmettevano ad onde corte, una novità per quel tempo, poiché si utilizzavano strumenti che richiedevano molta potenza e la trasmissione era ad onde di grandi dimensioni, ma il talento si confermò, quando il 15 gennaio 1924, all’età di 21 anni, realizzò una trasmissione Bologna - U.S.A. ad onde corte.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
ducati
ducati corse
fordismo
just in time
kaizen
kanban
marketing
motogp
postmoderità
progresso
radicamento
sbk
texas pacific group
tqm
tribale
turn around

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi