Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Guerra Giusta: teoria e casi pratici

Con la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda si diffuse, nel mondo occidentale e non solo, l’idea che una volta venuto meno il principale conflitto ideologico del XX secolo il mondo si potesse finalmente avviare verso un’era in cui i valori della liberta (e del libero mercato) e della democrazia potessero finalmente diffondersi in tutto il pianeta. Vi erano grandi speranze che ciò accadesse, ma altrettanto brusco fu il risveglio negli anni successivi: a partire dal 1991 abbiamo invece assistito ad una serie di conflitti che ci hanno riportato con i piedi per terra, e ci hanno ricordato che il fenomeno “guerra” non sarà un ricordo, ma una realtà con cui fare ancora i conti. Ciò ha senz’altro contribuito ad alimentare numerosi dibattiti in merito ai principali avvenimenti bellici del nostro tempo: chi, studioso o uomo della strada, non si è interrogato sulle cause, sulle possibili spiegazioni che possono gettar luce su un particolare conflitto? E di quale linguaggio si è fatto uso, di quello giuridico o di quello morale? Chi non si è mai chiesto: questa guerra è giusta? Secondo me, tutti o quasi si pongono domande del genere quando scoppia una guerra, e ciò è vero non solo per i nostri tempi ma anche per quelli andati, e questo è abbastanza normale: la guerra ha sempre comportato immensi sacrifici in termini di vite umane e di beni materiali, ed è comprensibile che dinanzi ad essa si dividano gli animi. Per alcuni la guerra è un male assoluto che deve essere sempre evitato, ma non tutti la pensano così: c’è chi invece, nel corso dei secoli passati si è preso la briga di elaborare teorie che consentissero di giustificare il ricorso alla guerra. Storicamente ciò è quindi avvenuto in diversi modi, a seconda che la guerra venisse considerata come un male minore, come un male necessario, come un bene, oppure come atto di giustizia o di punizione di un torto, come mezzo di restaurazione di un diritto violato.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda si diffuse, nel mondo occidentale e non solo, l’idea che una volta venuto meno il principale conflitto ideologico del XX secolo il mondo si potesse finalmente avviare verso un’era in cui i valori della liberta (e del libero mercato) e della democrazia potessero finalmente diffondersi in tutto il pianeta. Vi erano grandi speranze che ciò accadesse, ma altrettanto brusco fu il risveglio negli anni successivi: a partire dal 1991 abbiamo invece assistito ad una serie di conflitti che ci hanno riportato con i piedi per terra, e ci hanno ricordato che il fenomeno “guerra” non sarà un ricordo, ma una realtà con cui fare ancora i conti. Ciò ha senz’altro contribuito ad alimentare numerosi dibattiti in merito ai principali avvenimenti bellici del nostro tempo: chi, studioso o uomo della strada, non si è interrogato sulle cause, sulle possibili spiegazioni che possono gettar luce su un particolare conflitto? E di quale linguaggio si è fatto uso, di quello giuridico o di quello morale? Chi non si è mai chiesto: questa guerra è giusta? Secondo me, tutti o quasi si pongono domande del genere quando scoppia una guerra, e ciò è vero non solo per i nostri tempi ma anche per quelli andati, e questo è abbastanza normale: la guerra ha sempre comportato immensi sacrifici in termini di vite umane e di beni materiali, ed è comprensibile che dinanzi ad essa si dividano gli animi. Per alcuni la guerra è un male assoluto che deve essere sempre evitato, ma non tutti la pensano così: c’è chi invece, nel corso dei secoli passati si è preso la briga di elaborare teorie che consentissero di giustificare il ricorso alla guerra. Storicamente ciò è quindi avvenuto in diversi modi, a seconda che la guerra venisse considerata come un male minore, come un male necessario, come un bene, oppure come atto di giustizia o di punizione di un torto, come mezzo di restaurazione di un diritto 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Pietro Oggiano Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9852 click dal 20/03/2007.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.