Skip to content

Il giornalismo investigativo italiano: il caso Alpi-Hrovatin

Informazioni tesi

  Autore: Marina Ghiringhelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Massimo Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 321

È opinione diffusa che il giornalismo investigativo nel nostro Paese non esista. Questo saggio dimostra il contrario, esaminando le più importanti inchieste dall’avvento della Repubblica a oggi (l’uccisione del bandito Salvatore Giuliano, il Vajont, la morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli e la strage di Piazza Fontana, lo scandalo Lochkeed, Ustica, etc.).
Particolare attenzione è posta al lavoro di Barbara Carazzolo, Albero Chiara, Luciano Scalettari, giornalisti di Famiglia Cristiana, impegnati da anni a far luce sull’omicidio dell’inviata del Tg3 Ilaria Alpi e del suo cameraman Miran Hrovatin (Mogadiscio, 20 marzo 1994).
Accompagnano l’analisi dettagliata di questa inchiesta un breve profilo biografico e professionale delle due vittime, la ricostruzione del contesto in cui il delitto è avvenuto (la Somalia dilaniata dalla guerra civile), il resoconto delle indagini giudiziarie sul caso e di quelle parallele dei media (cinema, radio, tv e teatro).
Completano l’opera una parte teorica dedicata alla fenomenologia del giornalismo investigativo(definizione, rischi e problemi), nonché interviste inedite (Andrea Purgatori, Luciano Scalettari; Giorgio e Luciana Alpi).
Un’occasione per ripercorrere la storia italiana, costellata da tanti misteri e crimini impuniti. Un omaggio alla memoria del Nostro Paese, troppo volte calpestata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE I professionisti dell’informazione sostengono che tutto il giornalismo è investigativo, in quanto la ricerca di notizie, fonti, particolari è, o perlomeno dovrebbe essere, alla base della pratica informativa. Niente da eccepire. Tuttavia, in ambito teorico - accademico si è soliti indicare con il termine di investigative reporting un genere ben preciso: l’inchiesta e, nello specifico, una sua tipologia, quella investigativa appunto. Posto che per inchiesta s’intende un’indagine approfondita, volta a carpire quanto sfugge normalmente alla cronaca, il giornalismo investigativo si caratterizza per la volontà di illuminare vicende controverse, che qualcuno ha interesse a far rimanere nell’ombra. Ovvio, quindi, che vi sia chi si possa sentire minacciato dal giornalista “detective” e tenti di fermarlo in ogni modo, con metodi legali (querele), ma anche violenti (intimidazioni e persino omicidi). A tutto ciò si aggiungono altri fattori che rendono il giornalismo investigativo particolarmente difficile, quali la necessità di avere a disposizione molto tempo, una adeguata preparazione, disponibilità finanziarie della testata, nonché un solido editore di riferimento. Tali elementi vengono trattati nel primo capitolo (Fenomenologia del giornalismo investigativo), al fine di permettere una corretta comprensione dell’oggetto della tesi. Sarebbe infatti inutile analizzare casi concreti di inchieste senza prima aver specificato cosa s’intenda, a livello teorico, con tale termine. Al secondo capitolo (Storia del giornalismo investigativo italiano) è invece affidato il compito di smentire un luogo comune: l’inesistenza dell’investigative reporting in Italia. Dopo una breve parentesi sull’origine europea, inglese per alcuni (1721, articolo di Cato sul London Journal) francese per altri (1898, J’accuse di Emile Zola), del genere, si esaminano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi