Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'analisi del discorso di un caso di abuso minorile presente nella Casa Famiglia "S.O.S. adolescenza"

L’abuso sessuale sui minori è un comportamento deviante che nell’ordinamento italiano si concretizza come reato. Il caso più frequentemente riscontrato è l’incesto che comprende tutti i rapporti di natura sessuale intervenuti tra persone legate da vincoli di sangue in linea retta o collaterale.
Le ricerche relative alla diffusione dell’abuso sessuale hanno messo in evidenza il fatto che la tipologia di abuso prevalente è quella intrafamiliare. Nel nostro paese l’abuso sessuale infantile è diventato oggetto d’indagine solo da pochi anni.
L’abuso sessuale è sempre un trauma per la vittima, a maggior ragione quando questa è una persona in crescita, come nel caso di un minore. Ovviamente, le conseguenze di questo evento traumatico sono diverse visto che dipendono da fattori variabili, quali l’età di vittima e aggressore, la relazione esistente fra i soggetti coinvolti, la durata dell’abuso, il livello di sviluppo fisico e cognitivo del minore, ecc.. Di conseguenza, anche gli interventi a favore della vittima dovranno essere diversificati.
L’obiettivo a questo punto è quello di accompagnare i minori a superare i traumi che impediscono di vivere serenamente il momento specifico. Al minore abusato vengono offerte occasioni concrete e quotidiane di condivisione dei propri sentimenti di rabbia, dolore, collera, impotenza, prodotti dal trauma dell’abuso, con un adulto capace di tollerarli mentalmente e di aiutarlo a compiere i primi passi verso la rielaborazione costruttiva dell’esperienza subita.
Ho analizzato un nuovo approccio di Manuel Villegas Besora basato sull’analisi del discorso. Ho potuto constatare che grazie a questo metodo sarà possibile interpretare il comportamento del minore. Questo rappresenta un valido supporto alla terapia, poiché fornisce utili informazioni su ciò che il paziente vuole comunicare e su quali significati nascosti si celano dietro le sue parole partendo dalla scomposizione del testo delle sedute terapeutiche. Ho ritenuto utile studiare tale approccio per poterlo applicare ad un utenza come quella del minore abusato.
Con il metodo di Villegas si giunge alla riproduzione di una sintesi discorsiva.
Ho deciso di condurre la mia ricerca basata , appunto, su questa metodologia presso UNA Casa Famiglia
Per poter applicare l’approccio dell’analisi del discorso secondo i criteri applicativi di Manuel Villegas Besora ho utilizzato la metodologia argomentativa dell’intervista in profondità, del racconto spontaneo e di una sorta di corrispondenza che le ragazze hanno preferito avere con me.
Le stesse ragazze mi hanno suggerito di scrivermi delle letterine in cui potevano parlarmi di qualsiasi cosa, proprio come se stessero scrivendo un diario segreto.
Nel fare questo percorso di conoscenza mi sono dedicata maggiormente al caso di una ragazza, Francesca.
A queste lettere avevano mia risposta sia scritta che con colloqui.
Francesca ha subito abusi sessuali e maltrattamento fisico nella sua famiglia naturale e poi anche in quella affidataria.
Ho deciso di riportare 7 lettere che mi sono sembrate, a parer mio, le più significative ;
Utilizzando la metodologia dell’analisi del discorso secondo Manuel Villegas Besora, per ognuna delle 7 lettere ho riportato inizialmente la lettera integrale, poi la stessa suddivisa in microstrutture e ho indicato i termini e le espressioni, elementi di ridondanza, ripetuti in più microstrutture indicando tra parentesi graffa in quale microstruttura è possibile individuarli; inoltre, ho indicato con lo stesso numero e mettendolo accanto a tutti i termini o espressioni elementi di coerenza che si ripete all’interno della medesima microstruttura.
Infine, ho spiegato tutto quanto segnalato in precedenza analizzando il discorso.
Dopo aver analizzato tutte le lettere di Francesca è risultato evidente che l’ utilizzo della metodologia dell’analisi del discorso secondo Manuel Villegas Besora è stato di fondamentale utilità e propriamente adeguata al caso.
Tale metodologia ha permesso di identificare lo stato problematico manifestato dalla ragazza, di seguirne l'evoluzione nel corso del trattamento e di correlarlo a altri stati problematici presentati dalla paziente.
Ha infatti fornito utili informazioni su ciò che la ragazza voleva comunicare e su quali significati nascosti si celano dietro le sue parole.
Analizzando attentamente tutte le lettere secondo questo metodo si può constatare che all’arrivo dell’interlocutrice in comunità, la ragazza era chiusa in se stessa, non aveva più rapporti con nessuno; ciò influiva negativamente su diversi fattori, infatti aveva una bassa autostima, carenze nel linguaggio, nell’apprendimento, assenza di prospettive future,ecc..
Per poterla aiutare sarebbe stato necessario intraprendere un valido percorso psicoterapeutico che è mancato, causando la totale chiusura e sfiducia verso tutti.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 - Cap. 1 - L’abuso sessuale sui minori: definizione, caratteristiche e conseguenze Introduzione L’abuso sessuale sui minori è un comportamento deviante che nell’ordinamento italiano si concretizza come reato. Il caso più frequentemente riscontrato è l’abuso perpetrato da uno dei genitori a danno dei figli, ossia l’incesto. In effetti, dai dati statistici di cui si è a conoscenza, e che riguardano naturalmente solo i reati denunciati, risulta che l’incesto, inteso nella forma più ampia, e cioè come comprendente tutti i rapporti di natura sessuale intervenuti tra persone legate da vincoli di sangue in linea retta o collaterale, sia la forma di abuso sessuale sui minori più frequente. L’abuso sessuale è sempre un trauma per la vittima, a maggior ragione quando questa è una persona in crescita, come nel caso di un minore. Ovviamente, le conseguenze di questo evento traumatico sono diverse, poiché dipendono da fattori variabili, quali l’età di vittima e aggressore, la relazione esistente fra i soggetti coinvolti, la durata dell’abuso, il livello di sviluppo fisico e cognitivo del minore, ecc.. Di conseguenza, anche gli interventi a favore della vittima dovranno essere diversificati, poiché qualunque generalizzazione potrebbe avere conseguenze deleterie per il soggetto. In ogni caso, gli addetti ai lavori sono concordi nel ritenere indispensabile un approccio integrato, nel quale si mescolino in ugual misura interventi di ordine giudiziario,

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Velia Loffreda Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3645 click dal 28/03/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.