Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' Antropologia Filosofica di A. Gehlen

Nel suo multiforme e controverso percorso intellettuale Arnold Gehlen è stato filosofo, biologo, etologo, sociologo e infine teorico delle istituzioni.
Ma soprattutto viene considerato uno dei maggiori esponenti dell'antropologia filosofica.
La tesi propone una formulazione dei nuclei tematici svolti nelle opere principali di A. Gehlen tra cui:la specificità della natura biologica dell'uomo,la concezione della tecnica e della natura delle istituzioni,la critica del razionalismo e dell'individualismo liberali,la diffidenza nei confronti della società dei consumi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Storicamente, l’antropologia filosofica è una disciplina che vede la luce nei primi decenni del XX secolo, ma la domanda a cui essa cerca di dare risposta, vale a dire che cosa sia l’uomo, attraversa tutta la storia del pensiero occidentale. Questa domanda è diventata tanto più pressante nel Novecento proprio perché lo straordinario sviluppo nel secolo scorso e nel precedente delle discipline storiche, da un lato, e delle scienze umane, dall’altro, ha reso molto complesso ma necessario il compito di definire un’immagine unitaria dell’uomo. Questo compito è complesso perché l’enorme massa di conoscenze accumulate nel corso degli anni sull’essere umano in quanto ente nello stesso tempo storico e biologico sembra rendere impossibile ogni sintesi; è necessario perché molte delle pratiche e delle istituzioni delle nostre società si basano in maniera più o meno esplicita su una “visione” dell’uomo. Già nella sua opera del 1940 L’uomo. La sua natura e il suo posto nel mondo, Gehlen definisce la propria riflessione una “antropologia elementare”. Egli non voleva fondare una concezione semplicemente “naturalistica” o “biologica” dell’uomo, ma una sua visione “antropobiologica”, secondo la quale l’essere umano è un “progetto complessivo della natura”. L’antropobiologia di Gehlen vuole anzitutto chiarire le condizioni d’esistenza dell’uomo, a partire dalla considerazione del corpo in connessione all’interiorità umana (linguaggio, immaginazione, volontà, conoscenza, morale, etc.). L’intento di Gehlen, espresso fin dai primi saggi dedicati al problema dell’antropologia raccolti nella traduzione italiana Antropologia filosofica e teoria dell’azione, è quindi di fornire una scienza dei fondamenti dell’essere umano che sia una sintesi e una guida delle particolari scienze dell’uomo. Questo lavoro si propone di analizzare i principali temi dell’antropologia filosofica di Gehlen, ponendone in rilievo gli elementi di continuità con la riflessione filosofico-antropologica precedente, e gli elementi di originalità e innovazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Fabio Funiciello Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3583 click dal 28/03/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.