Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cinema e relatività: il caso di Memento

Il cinema nella duplice valenza di narrazione ed immagine introduce nella relazione con il mondo cui si riferisce degli interrogativi circa la realtà e la rappresentazione di essa. In particolare si analizza il film Memento di Cristopher Nolan in cui la relatività è ben espressa in particolare dalla componenete Memoria, sostrato cognitivo alla base della narrazione e in generale della percezione della realtà.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo I: la realtà cinematografica 1.1 la relatività della realtà Finché le leggi della matematica si riferiscono alla realtà non sono certe e, finché sono certe, non si riferiscono alla realtà. 1 È forse di fronte alla morte che l’essere umano per la prima volta ha acquisito il concetto di esistenza. La morte nega l’essere e allo stesso tempo lo legittima. La realtà è ciò che ha un’esistenza reale, 2 la realtà è; tuttavia anche la morte è reale, ecco il primo paradosso dell’esistenza: essere e non essere sussistono entrambi, l’uomo è di fronte al mistero. La necessità di fare ordine si fa strada nella mente umana per avere una parvenza di controllo; in parte, forse, per dare senso al mondo. È lecito credere che l’uomo sia partito da questi presupposti ad osservare il mondo in modo “critico”, relazionandosi con esso attraverso un processo “virale”, cioè attraverso un’acquisizione sostanziale della realtà esterna tanto da renderla congenita. Per dirla come Max Planck: La scienza umana non può risolvere il mistero ultimo della Natura. E ciò perché, in ultima analisi, noi stessi facciamo parte del mistero che stiamo cercando di risolvere. 3 1 Albert Einstein, citato in J.R.Newman (ed.), The world of mathematics, New York, Simon and Schuster, 1956 2 Il Nuovo Zingarelli, Vocabolario della Lingua Italiana di Nicola Zingarelli, a cura di Miro Dogliotti e Luigi Rosiello, Bologna, Zanichelli, 1990 3 Max Planck, citato in Giuseppe Tanzella – Nitti, recensione a Thomas Torrance, «Documentazione di scienze e fede», internet: www.disf.org/AltriLibriRecensiti/Torrance- 1992.asp

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Yukai Ebisuno Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5916 click dal 29/03/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.