Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Logica e tecnica dei KPIs. Il modello di controllo dell'ASL 19

Il titolo della tesi mette in chiaro l’oggetto della stessa, gli indicatori di performance.
In ambito aziendale, l’indicatore, o meglio un sistema integrato di indicatori viene utilizzato con la finalità principale di “tenere sotto controllo” la performance aziendale. Questi indicatori devono guidare l’azienda verso la realizzazione della strategia (esplicitata nel Piano Strategico Aziendale) ed è per questo motivo che tutte le fasi del processo di Pianificazione e Controllo nell’arco temporale significativo devono essere controllate anche per mezzo di indicatori ed il loro andamento veicolato all’interno dell’Azienda, permette, in modo chiaro, verificare l’andamento rispetto agli obiettivi stabiliti e permettono di avviare, in caso di scostamento, le azioni correttive. Il caso concreto è stato sviluppato presso l’Azienda Sanitaria Locale di Asti (ASL 19 della Regione Piemonte), della quale si descrive il controllo di gestione: i suoi legami con la pianificazione e programmazione, gli strumenti e le funzioni. Analizzo inoltre come l’A.S.L. 19 di Asti utilizza gli indicatori, con riferimento alla Scheda di Budget finalizzata ad orientare l’operatività di ciascun soggetto all’interno dell’azienda verso la realizzazione della strategia.L'ultimo capitolo è idealmente suddiviso in due parti; la prima descrive il cambiamento in atto all’interno dell’ASL 19, che parte da una revisione organizzativa per giungere alla reinterpretazione di fondo della scheda di budget. Questa ultima, alla luce del meccanismo di causa-effetto che è alla base della BSC, viene concepita come un sistema di obiettivi ed indicatori. La seconda parte invece spiega lo sviluppo della scheda di budget, ed in generale degli strumenti manageriali nel contesto sanitario, dal punto di vista sociologico, considerando inoltre le implicazioni che tutto ciò ha sulla regolazione della professione medica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE Il titolo della tesi mette in chiaro l’oggetto della stessa, gli indicatori di performance. Il termine “indicatore” deriva dal latino tardo "indicator-oris", 1 che significa "indicare" e per questa finalità viene utilizzato in diversi contesti, come ad esempio: • in Meccanica nella tecnica delle macchine a stantuffo. In questo particolare ambito, è chiamato, ad esempio, indicatore uno strumento che permette di rilevare il ciclo delle pressioni; • in Chimica, dove con il nome di indicatore sono indicate sostanze diverse che manifestano in modo evidente variazione di qualcuna delle loro proprietà, spesso il colore, in corrispondenza della variazione di concentrazione del composto chimico a cui sono aggiunte o messe in contatto nelle cosiddette prove al tocco. L’uso può portare a seconda dei casi a misure quantitative o anche solo qualitative; • in Zoologia, dove gli Indicatori sono uccelli insettivori africani, affini ai Picchi e ai Cuculi, il cui nome discende da una leggenda, secondo la quale questi esemplari con il loro comportamento avvertirebbero l’uomo della vicinanza di felini e di alveari di api. Nella lingua è usato in ambiti diversi come sinonimo di: • rilevatore; • colui che indica; • segnalatore; • misuratore; In sintesi, l’indicatore: 1. veicola un informazione; 2. è strumento che consente di rilevare gli elementi qualificanti di un determinato fenomeno o processo; 3. comunica presenza/assenza dell’elemento qualificante; 4. richiede qualificazione del fenomeno mediante individuazione e scelta di variabili; 5. è tale se è definibile rispetto a grandezze qualitative e quantificabili; 6. è tale se è rilevabile con facilità, duttile, immediatamente significativo, cioè se è congruente con il fenomeno/processo analizzato; 7. se è concordato e riconosciuto con convenzione (nella collettività) e quindi non può essere ambiguo. 1 Fonti: http://www.epicentro.iss.it/problemi/indicatori/indicatori.htm e Il Grande Dizionario Garzanti della lingua italiana.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Nebiolo Contatta »

Composta da 351 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7665 click dal 28/03/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.