Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione e Realizzazione CMS Con Metodologia WEBML

La tesi si propone progettare, implementare e documentare un’applicazione Web di tipo CMS (Content Management System) realizzata con metodologie WebML (Web Modelling Language) definendone requisiti e specifiche.
La realizzazione del progetto verrà condotta seguendo un rigoroso processo ingegneristico adatto alle applicazioni Web.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 - Introduzione La presente tesi si propone progettare, implementare e documentare un’applicazione Web di tipo CMS (Content Management System) realizzata con metodologie WebML (Web Modelling Language) definendone requisiti e specifiche. Innanzi tutto è importante chiarire cos’è un CMS. L’acronimo indica una classe d’applicazioni Web equipaggiate con funzioni di creazione, aggiornamento ed organizzazione dei contenuti. In origine il termine CMS è stato associato solamente ad applicazioni per la pubblicazione dinamica su Web, oggigiorno i content management system si sono evoluti arricchendosi di funzionalità e di tecnologie tanto da rappresentare una classe più ampia, nella quale, è possibile includervi anche applicazioni Web importanti come portali e wiki systems. Il mercato informatico moderno, presenta già una vasta gamma di CMS (un ampio elenco è consultabile su http://www.cmsmatrix.com/), essi si differenziano per piattaforme implementative, linguaggi e funzionalità; lo scopo della presente tesi non è di realizzare un prodotto migliore o più competitivo, ma semplicemente di mostrare come con la metodologia di sviluppo basata su WebML sia possibile la progettazione di software di valore in modo semplice delegando completamente la codifica ad appropriati documenti XML (Extensible Markup Language). Non è possibile limitare la definizione di un CMS ad un semplice sito Web, perché è un applicazione che mette a disposizione gli strumenti per la generazione di infiniti siti Web. I CMS si distinguono da altre applicazioni Web nel possedere un back-end e di un front- end. Il front-end è la parte pubblica del sito; pagine e contenuti consultabili dagli utenti come un qualsiasi sito presente sulla rete. Il back-end invece, costituisce una vera è propria console amministrativa, attraverso la quale è possibile plasmare i più svariati aspetti del sito pubblico. Banalmente, senza entrare nel merito delle tecnologie d’implementazione, i siti Internet si possono differenziare per tema trattato: programmazione, politica, intrattenimento; oppure per layout grafico. Per esempio i siti dei quotidiani pur trattando lo stesso genere di informazioni si differenziano anche di molto nel formato in cui le presentano. Il sito del Corriere della Sera (www.corriere.it), adotta un layout a tre colonne per la Home page: menu contestuali nella colonna più a sinistra, notizie principali al centro, e barra scorrimento ultime news nella colonna di destra. Il sito della Repubblica (www.repubblica.it) ne adotta uno a due colonne: i menu contestuali sono in testa alla pagina, le notizie principali, con foto, occupano la Home page a partire da sinistra fino alla colonna di destra, e quest’ultima è lasciata agli sponsor. Stesso layout del sito del Corriere della Sera ma differenti contenuti trattati, si possono osservare sul sito www.ricettegolose.it. Ebbene, un applicazione di tipo CMS può implementare tutti gli esempi esposti. I linguaggi di programmazione nascono dall’esigenza di descrivere formalmente sequenze di operazioni computabili da sistemi automatici; e poichè l’evoluzione dei linguaggi punta a ridurre il divario tra le istruzioni adatte da un sistema automatico ed il linguaggio naturale, la programmazione guidata da modelli di cui WebML è un importante rappresentate, permette di compiere un altro passo nella direzione voluta. La realizzazione del progetto verrà condotta seguendo un rigoroso processo ingegneristico adatto alle applicazioni Web [1], articolato in: raccolta specifiche di progetto, analisi dei dati, progettazione dati e ipertesto, implementazione, testing ed in fine rilascio. Il capitolo introduttivo è dedicato invece al processo ingegneristico ed agli strumenti utilizzati, dando largo spazio alle specifiche della metodologia WebML.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Gianluca Trovato Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4171 click dal 02/04/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.