Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Analisi transazionale e la scrittura creativa

Oggetto cattivo, transitorio, privo di futuro, concepito per diventare altro. La sceneggiatura è un luogo di interazione di modelli, dispositivi, forme e contenuti, ma è innanzitutto il frutto di un lavoro di creatività e ricerche, documentazioni e ispirazioni.
In questa tesi, i modelli forniti dall’applicazione strumentale dell'Analisi transazionale, teoria psicologica elaborata dallo psichiatra statunitense Eric Berne negli anni Sessanta del secolo scorso, sono stati usati per suggerire possibili percorsi di indagine psicologica dei personaggi e delle relazioni che si possono tessere tra di loro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 0. Introduzione Iniziare, scrivere e riscrivere, finire. E ricominciare. Iniziare a riempire un interminabile foglio bianco sembra impossibile quando, agitati ed inquieti, si decide di intraprendere il viaggio incredibile della sceneggiatura. Tante sono le domande: dove trovare l’ispirazione, come scoprire l’idea originale, quando intrappolare la freschezza di un insight. La verità è che non esiste un modo unico per rispondervi. Di sicuro, però, usando le parole di Ugo Betti, “nulla potrà uscire da noi che non vi sia prima entrato”: intorno a noi esistono notevoli stimoli che è necessario riconoscere al momento giusto. La sceneggiatura, ricorda Syd Field, è scrivere e riscrivere: implica l’andare avanti con uno sguardo critico sempre rivolto all’indietro. Occorre correggere, modificare, cancellare, senza mai abbandonare. Di fronte all’inevitabile blocco che questo lungo processo comporta, molti manuali forniscono indizi, suggerimenti e strumenti da applicare per tentare di risolvere i problemi di trama, personaggi e struttura che si presentano di continuo durante la scrittura. E’ importante cogliere nella crisi l’aspetto di opportunità e continuare a migliorare la sceneggiatura conducendola a finire con la risoluzione più coerente ed efficace possibile. E, una volta terminato il viaggio, ricominciare e mettersi al lavoro. Tutto ha avuto inizio, anche qui, su un foglio bianco. Un forte senso di vuoto, nessuna idea, tante domande, poche risposte, molta confusione. L’ispirazione è sorta, quasi per caso, leggendo un libro di Eric Berne intitolato A che gioco giochiamo. Non è solo un testo fondamentale della psicologia contemporanea, è un inesauribile contenitore di senso e stimoli. Aldilà dell’espressione di un nuovo tipo di analisi terapeutica, l’Analisi transazionale, esso fornisce interessanti rappresentazioni e interpretazioni della vita quotidiana

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Gisella Famà Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4846 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.