Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Normativa comunitaria e liberalizzazione della telefonia mobile in Italia: un'analisi economica e giuridica

L'elaborato consiste in un'indagine sul processo di apertura del mercato della telefonia mobile in italia, condotta tramite un approccio metodologico bidimensionale, implicante valutazioni di carattere microeconomico e giuridico-regolamentare. L'obiettivo finale è considerare se tale processo abbia effettivamente condotto alla realizzazione di tre categorie di finalità, di cui la liberalizzazione stessa può definirsi strumentale. La prima categoria, di carattere comunitario, implica che la liberalizzazione possa condurre ad un mercato paneuropeo integrato del servizio di comunicazione mobile, come espresso in una serie di atti e direttive promossi dalle istituzioni europee. La seconda categoria, di carattere nazionale, predice che l'apertura del mercato possa migliorare l'efficienza aziendale e tecnologica all'interno dei singoli stati. L'ultima, di carattere sociale, intende la liberalizzazione quale fattore di miglioramento del welfare sociale attraverso modalità di regolamentazione atte a tutelare l'utenza finale e i potenziali entranti nel mercato. Il percorso logico seguito nell'analisi considera il passaggio nel panorama italiano da una situazione di monopolio legale ad una concorrenziale valutandone all'interno l'impatto di variabili-chiave quali i mutamenti nel carattere e nella struttura del mercato, l'evoluzione degli standard tecnologici e l'implementazione delle direttive europee nell'ordinamento interno.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. CENNI INTRODUTTIVI Scopo principale di questo lavoro è quello di esplorare il processo di liberalizzazione del servizio di telefonia mobile in Italia , formalmente avviato con la cesura del gennaio 1998, caratterizzata dall’ emancipazione dal tradizionale inquadramento nell’ambito del monopolio naturale di esclusiva competenza statale. Benché la liberalizzazione possa essere comunemente definita quale apertura alla concorrenza, essa, riferita ad un segmento particolare quale quello della telefonia mobile, implica una definizione che non può esaurirsi nel mero passaggio da un regime di monopolio ad un regime competitivo. Molti sono infatti i fattori e i meccanismi interagenti con tale processo e molteplici sono le questioni e gli attori in esso coinvolti. Tale osservazione focalizza sulla specificità del settore radiomobile rispetto a quello del settore della telefonia fissa e delle telecomunicazioni in genere, con riferimento ai caratteri delle rispettive funzioni di domanda e di offerta dei servizi ad essi connessi. Tale particolarità assume rilevanza particolare poiché implica una definizione ad hoc del mercato della telefonia mobile, che consideri le sue caratteristiche qualitative, la natura e la struttura delle imprese che operano al suo interno e i servizi offerti all’utenza quali distinti dall’ambito più generico delle telecomunicazioni e dunque oggetto di specifica analisi. E’ opportuno inoltre, con riferimento alla dimensione del mercato, considerare le specificità della realtà nazionale italiana con un’ottica comparata rispetto ad altri paesi europei, per quanto concerne i caratteri dell’utenza, delle imprese, dei tassi di penetrazione e di crescita del servizio. Inoltre, poiché la liberalizzazione in Italia fu promossa su impulso dei principi fissati dalla CEE, occorre considerare l’evoluzione del processo da un punto di vista duplice, comunitario e nazionale. Con riferimento a tale osservazione è necessario definire l’evoluzione interna, in ambito comunitario, della normativa sulla liberalizzazione e sul suo effettivo recepimento e di nell’ordinamento italiano, considerando le relazioni e le interazioni tra il livello strettamente statale e il livello sovranazionale europeo. Ovviamente, l’analisi del processo è principalmente effettuata in termini economici, evidenziando il mutamento del mercato da una struttura monopolistica ad una

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michela Marzoli Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2884 click dal 02/04/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.