Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'italia del secondo dopoguerra nello sguardo di uno scrittore irlandese: Sean O' Faolain

L'autore visitando l'Italia negli anni 1950 rimane colpito da sterotipi, pregiudizi, storia, architettura, modi di vita dell'Italia e tra questi emerge l'aspetto della Religione. Davanti al Miracolo del Sangue di San Gennaro a Napoli, alle Stimmate di Padre Pio in Puglia, davanti agli episodi della vita di S. Cataldo ecc. si chiede se tutto ciò si riferisca a tradizione, superstizione o fede.
Io ho usato il testo dell'autore traducendo per un verso e approfondendo in termini di lettura di testi dall'altro verso.
Ho infatto tentato di affrontare in Filosofia il problema della fede da Laico e della Fede da credente; in Sociologia ho verificato il problema della secolarizzazione e della Teoria Religiosa Economica ed infine dal punto di vista della Antropologia ho usato il fenomeno del Tarantismo in Puglia per leggere tale fenomeno in parte Storico Sociale e in parte Religioso storico

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI STUDIO SPECIALISTICO IN TRADUZIONE L’ITALIA DEL SECONDO DOPOGUERRA NELLO SGUARDO DI UN LETTERATO IRLANDESE RELATORE CANDIDATA Professoressa MELITA CATALDI MARIA ROSARIA LANDOLFI Matricola 27 52 56 ANNO ACCADEMICO 2005 2006

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Maria Rosaria Landolfi Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1770 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.