Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stato e criteri di gestione del parco macchine in un campione di aziende nella valle dell'Aso

La tesi è stata effettuata nella valle dell’Aso su venticinque aziende che svolgono attività viticola, ed è stata condotta presso la “Cooperativa agricola Valdaso” ubicata nella valle omonima e che opera nel settore da più di quaranta anni e rappresenta una realtà consolidata.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE 1.1 Quadro viticolo italiano La vite ha la caratteristica di essere una pianta adattabile ad ogni clima, infatti essa è presente in tutte le regioni di Italia, anche se i modi di coltivazione sono diversi. In questo contesto si colloca la produzione italiana che ovviamente presenta un’enorme diversificazione fra i vini, anche se il Sangiovese e il Trebbiano, con la loro grande capacità produttiva, sono i vitigni più rappresentati. Attualmente la viticoltura italiana rappresenta il 9% della PLV (produzione lorda vendibile) agricola nazionale, la produzione di vino italiano rappresenta il 30% di quella comunitaria e il 18% di quella mondiale, nonostante negli ultimi 20 anni la superficie investita a vigneto sia diminuita notevolmente fino ad arrivare a 792.000 ettari, di cui 264.000 VQPRD (vini di qualità prodotti per regioni determinate) e 528.000 per la produzione dei vini da tavola. La tendenza generalizzata in tutte le regioni è quella di aumentare la qualità del prodotto per un migliore inserimento nel mercato. Questa situazione ha spinto gli addetti ai lavori a migliorare e rinnovare le strutture produttive; tuttavia, l’età media dei vigneti è ancora di 30 anni; un’azienda media italiana ha solamente 1,3 ha investiti a vigneto, a confronto con una media europea di 2,16, e le ore lavorative anno/uomo/ettaro sono 400. Se da un lato innovazione, igiene e nuove tecniche hanno preso piede in cantina, non si può ancora dire la stessa cosa per il vigneto. Di fondamentale importanza sarà riuscire a fare gli stessi progressi fatti in cantina per ottenere un prodotto di buona qualità ma allo stesso tempo riuscire a contenere i costi. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Nazzareno Sacchi Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 595 click dal 23/04/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.