Skip to content

''L'Unità'' e gli allargamenti della Comunità Europea (1969-1986)

Informazioni tesi

  Autore: Giacomo Giulianelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Ariane Landuyt
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 256

Questa tesi ripercorre la storia dell'evoluzione in senso europeista del PCI, partendo da una breve introduzione nella quale si spiega la ragione dell'iniziale avversione della nomenclatura comunista nei confronti del processo di integrazione dell'Europa Occidentale, per arrivare alla trattazione, nel dettaglio, dello sviluppo di una linea politica che, proprio attraverso l'analisi attenta delle prospettive donate all'Europa dall'ingresso di nuovi Membri, tende gradualmente ed inesorabilmente a riconoscere la centralità e la positività della CEE quale costruttrice di un progetto continentale di consolidamento della democrazia e di integrazione economica.
L'analisi dettagliata delle fasi di questo lungo e controverso cammino politico del PCI è stata resa possibile dalla consultazione integrale, da parte dell'Autore, di tutti i numeri de "L'Unità" a partire dal 1° Dicembre 1969 (data della Conferenza dell'Aja per il primo allargamento comunitario) sino al 1° Gennaio 1986 (data dell'ingresso di Spagna e Portogallo nella CEE).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Il Partito comunista italiano e gli inizi della CEE Il PCI ebbe notoriamente un approccio nettamente contrario al processo che determinò la nascita della Comunità Europea: il dissenso dei comunisti a tal riguardo ebbe modo di manifestarsi in tutta la sua evidenza durante il dibattito parlamentare sui trattati di Roma, che ebbe luogo alla Camera il 30 luglio 1957 e al Senato il 9 ottobre 1957 e si concluse, in ambedue i casi, con il voto contrario della delegazione comunista. 1 Il motivo di tale atteggiamento va ricercato nella complessa situazione internazionale di quegli anni, in cui il mondo risultava diviso in due blocchi contrapposti e dipendenti dalle due superpotenze rivali, ovvero gli USA e l’URSS, e nel totale allineamento delle posizioni del PCI con quelle dei comunisti sovietici, i quali vedevano nella Comunità Europea < una alleanza antisovietica > e nell’europeismo < un semplice paravento >. 2 Palmiro Togliatti rifiutava a priori la costruzione europea così come veniva allora concepita nelle capitali dell’Europa occidentale, ritenendola non tanto un fattore di unità e di pace nel continente, quanto piuttosto un grave elemento di frattura storica e politica che avrebbe, se portata a termine, separato e diviso l’Europa stessa in due blocchi contrapposti, di cui uno comunista e l’altro capitalista e antisovietico. Togliatti aveva una ben diversa concezione di ciò che avrebbe dovuto essere l’Europa del futuro ed aspirava ad una unità europea che fosse in grado di coinvolgere non soltanto una parte, bensì la totalità dei popoli europei: una unità europea che ovviamente non poteva prescindere dal socialismo e che soltanto nel socialismo sarebbe stata possibile. Il leader comunista espresse tale concetto a chiare lettere già nel 1948, dunque molto prima che si arrivasse ai Trattati di Roma, in un articolo apparso su Rinascita, in cui fu precisato che la vera unità europea era < l’unità dei popoli in lotta contro l’imperialismo e contro i suoi piani criminali di scissione e di distensione dell’umanità, l’unità dei popoli in lotta per far trionfare in tutti i paesi europei nuovi regimi, nuove forme di democrazia, che seppelliscano per sempre il regime capitalistico e gettino le fondamenta di una nuova civiltà. > 3 L’opposizione alla costruzione comunitaria era dunque totale e sarebbe rimasta tale per lunghi anni: sebbene, infatti, la fase del “disgelo” tra i blocchi contrapposti avesse contribuito ad attenuare l’interpretazione dell’europeismo come < alleanza antisovietica > 4 , i comunisti non ne avrebbero comunque rivisto il giudizio negativo, sottolineando che lo stesso europeismo era in ogni caso il < punto di convergenza di monopoli e di interessi capitalistici. > 5 1 Mammarella, Cacace: Storia e politica dell’ U.E., Editori Laterza 1999, pg. 97 2 Mammarella: Il Partito comunista italiano 1945/1975, pg. 84 3 Ibidem, pg. 84 4 Ibidem, pg. 84 5 Ibidem, pg. 85 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi